NON SI SA MAI… Usa le erbe giuste contro la stanchezza cronica

Astragalus_mongolicus

Astragalus_mongolicus

Sono astragalo e teatina, gli integratori naturali giusti per vincere l’affaticamento più profondo: ringiovaniscono neuroni e anticorpi

 

La stanchezza cronica è una vera e propria patologia:

secondo il protocollo definito nel 1994 dai Centers for disease control (CDC) di Atlanta, negli Stati Uniti, essa si manifesta infatti quando a una stanchezza persistente che dura da almeno 6 mesi e che non scompare col riposo si aggiungono almeno 4 o più dei sintomi che elenchiamo qui sotto, sempre che non siano legati ad altre malattie specifiche:

  • disturbi debilitanti della memoria e della concentrazione;
  • faringite che non si riesce a guarire;

  •  dolori ai linfonodi sul collo e sulle ascelle;

  • dolori muscolari e/o osteoarticolari;

  • cefalea intermittente;

  •  turbe del sonno, risvegli precoci, difficoltà

nell’addormentamento;

  • stanchezza, indolenzimento e difficoltà di recupero dopo un esercizio fisico anche leggero.

Se soffri di almeno 4 di questi disturbi, quindi, è molto probabile che la tua stanchezza sia di tipo cronico.

Tra i fattori scatenanti, oltre allo stress fisico e/o mentale intenso e prolungato, vi possono essere anche particolari forme virali, spesso con sintomi subdoli e sfumati come nel caso della mononucleosi, che fi accano gli anticorpi e impediscono all’organismo di reagire, calandoci in uno stato di prostrazione che sfocia nell’astenia cronica e ci rende più deboli nei confronti di virus e batteri. Le statistiche epidemiologiche rivelano che la stanchezza cronica colpisce in particolare le persone (soprattutto donne) a partire dai 35-40 anni, e dunque nel pieno dell’età lavorativa e produttiva, mentre risulta quasi assente negli anzianied è molto rara nei bambini. Va affrontata tempestivamente, con una cura naturale di almeno un mese, per evitare che la debolezza intacchi il sistema immunitario abbassando così le difese e la capacità di reazione dell’organismo, che a breve sarà impegnato ad affrontare i malanni dei primi freddi.

Ti ammali spesso? Prendi l’echinacea o l’ astragalo

Per potenziare lo scudo immunitario, prima di colazione, pranzo e cena, prendi un bicchiere d’acqua con una compressa da 300 mg di estratto secco di echinacea (antinfiammatoria, antimicrobica e anti astenica) e una compressa da 300 mg di estratto di resveratrolo (antiossidante). Continua così per un mese, fai 30 giorni di pausa, e poi ripeti la cura fino a miglioramento.Se poi in autunno ti ammali spesso alterna l’echinace con l’astragalo: fai un mese di cura con un rimedio e un altro mese con l’altro.

Estratti di tè e valeriana regalano un sonno ristoratore

La teanina è un aminoacido presente nelle foglie della Camellia sinensis  (la pianta del tè ) e ha un’azione insieme tonica e antistress. Si assume per un mese in capsule di estratto secco da 200 mg, nella dose di una al giorno prima di coricarsi, sempre con un bicchiere di acqua. In particolare, la teanina accresce la secrezione di serotonina e melatonina, favorendo il rilassamento profondo.

 

Fonte: http://www.riza.it/benessere/integratori/4862/contro-la…/

Foto web

Tagged

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie