PREGHIERA DI UN BAMBINO NEGRO

p

 

Signore sono molto stanco.

Io sono nato stanco.

Ho molto viaggiato dal canto del gallo

E ben alto è il colle che porta alla scuola.

 

Signore, io non voglio più andare alla loro scuola.

Fate, vi prego, che io non ci vada più.

Io voglio seguire mio padre nelle fresche gole

Quando la notte fluttua ancora nel mistero dei boschi,

Dove vagano gli spiriti che l’alba dissolve.

Voglio andare a piedi scalzi per i rossi sentieri

Bruciati dalle fiamme di mezzogiorno,

Voglio fare la siesta al piede degli alti manghi,

Voglio risvegliarmi

Quando muggisce laggiù la sirena dei bianchi

E l’opificio,

Sull’oceano delle canne,

Come una nave ancorata,

Vomita sulla campagna il suo equipaggio negro…

 

Signore, non voglio più andare alla loro scuola;

Fate, vi prego, che io non ci vada più.

Essi dicono che un piccolo negro ci deve andare

Perché diventi simile

Ai signori della città,

Ai signori come si deve.

Ma io non voglio diventare,

Come essi dicono,

Un signore della città,

Un signore come si deve.

Io preferisco bighellonare intorno agli stabilimenti

Ove s’ammucchiano sacchi ricolmi

Di zucchero bruno come la mia pelle bruna.

Io preferisco, verso l’ora in cui la luna amorosa

Mormora all’orecchio degli alberi di cocco inclinati,

Ascoltare quel che dice nella notte

La voce rauca d’un vecchio che racconta fumando

Le storie di Zamba e di compare Coniglio,

E molte altre cose ancora

Che non sono nei libri.

I negri, voi lo sapete, hanno lavorato anche troppo.

Perché dovremmo anche leggere libri

Che ci parlano di cose non nostre?

E poi è davvero ben triste la loro scuola,

Triste come

Quei signori della città,

Quei signori come si deve

Che non sanno più danzare di sera al chiaro di luna,

Che non sanno più camminare sulle piante dei loro piedi,

Che non sanno più raccontare favole alle veglie.

 

Signore, io non voglio più andare alla loro scuola.

 

 

Guy Tirolien (1943)

 

Fonte: “CANTI NEGRI” – Sansoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close