I panicieddi d’uva di Verbicaro

pan

I “Panacieddi” sono fagottini di foglie di cedro con ripieno di uva zibibbo e pezzetti di buccia di cedro, legati con filo di ginestra selvatica e cotti al forno.

Per trasformare l’uva Zibibbo in “passili”, uva passa, bisogna seguire una lenta e paziente lavorazione.

La realizzazione dei “panaciedd” di uva passa,  necessita di un lungo lavoro che va dal raccogliere le foglie adatte nel periodo della potatura, all’essiccazione dell’uva zibibbo, all’intreccio dei fili di ginestra ed allla giusta cottura nel forno a legna.

La prima operazione è quella della “lisciviatura”: I grappoli d’uva appena raccolti  vengono legati ad un bastone ed immersi per poco tempo in una soluzione di acqua e cenere (usata per disinfettare), in questo modo sugli acini si forma un leggero strato che farà da disinfettante e li proteggerà tenendo lontano gli insetti.

I grappoli una volta trattati andranno poi essiccati. Vengono appesi nello “spannituru” (stenditoio), per completare l’essicazione.

Gli acini, grazie al trattamento subìto, riescono a mantenere un certo grado di umidità, lasciando inalterati i valori zuccherini.

L’operazione successiva è quella della “deraspatura”: gli acini vengono tolti dal grappolo e selezionati uno ad uno; successivamente vengono lavati e posti nelle “cannizze”(stenditoi realizzati con le canne intrecciate) per asciugarsi.

Una volta pronti, vengono messi su due foglie di cedro, aromatizzati con scorzette di cedro tagliate a pezzetti, avvolti con le foglie come fagottini e legati con arbusti di ginestra.

Infine vengono  cotti lentamente in forno aromatizzato con legna di cedro o di vite e con l’aggiunta di legni odorosi a 120° fino a quando le foglie di cedro esterne degli involtini non diventano rosolate.

Il prodotto finito si presenta compatto, perchè il calore fa sciogliere lo zucchero contenuto negli acini.

FONTE: -http://www.comune.verbicaro.cs.it/index.php?action=index&p=581

2 Replies to “I panicieddi d’uva di Verbicaro”

  1. l'aura ha detto:

    siamo ancora in tanti a fare i panaciedd ….ragion per cui la signora non è l’ultima “depositaria”
    ciao ciao
    p.s. io sono di Verbicaro e faccio i panaciedd :-)

Rispondi a Leiden Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close