Illuminazione

adddolorat

 

Primi anni ’60, alla Sciodda: processione del Venerdì Santo.

Due particolari

• ‘Ncacca a Grutta la roccia è nuda. La vegetazione scarseggia: per riscaldarsi e per cucinare si usavano anche i purritti. Da pochi anni erano arrivate le cucine a gas, ma non erano a portata di tutte le tasche.

• Quel palo della luce è un cazzotto nell’occhio. L’illuminazione ad Orsomarso è stata fatta in modo maldestro, senza un minimo di grazia. Negli ultimi 50 anni nessuno ha avuto il buon gusto di ripensarla. Sta ancora lì. Si è messo mano a tante cose inutili, a volte oltraggiose del Genius loci. Quella no. Eppure bastava poco, eppure avrebbe reso più bello il volto del paese.

Che volete, da noi le cose vanno così.

Ad maiora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close