L’acqua bene comune? E chi se ne frega del REFERENDUM!

ACQUA

Passa alla Camera malgrado l’opposizione del M5S e di Sinistra italiana il decreto legge del governo piddino che di fatto consente la privatizzazione dell’acqua. Ventisei milioni di elettori decisero nel 2011 di negare precisamente quella possibilità. La gran parte è ancora viva e vegeta.

Ma la metà evidentemente ritiene che un referendum ogni cinque anni sia troppa fatica e domenica scorsa se ne è fregata di quello sulle trivelle e della protezione del mare. Giustamente il governo ha capito che se ne fregherà anche di vedere quella decisione sull’acqua bene comune completamente ribaltata.

Tanto i giornalisti scrivono quello che gli dettano le multinazionali e gli intellettuali i girotondi li fanno solo per essere invitati a un talk show. Ben gli sta, agli italiani stanchi di democrazia: a chi non sa difendere i propri diritti (neppure con un voto, figuriamoci con scioperi o con il mitra, come nella Resistenza) qualche sciacallo glieli toglierà di sicuro. Una volta persi, inutile pensare di recuperarli, non in una generazione o due; non ci riuscirebbe un popolo di leoni, figuriamoci uno di pecore.

L’unica possibilità è cominciare a lottare subito, senza divisioni, senza scrupoli, senza pregiudizi: spazzare via Renzi e il suo Pd a qualunque costo, per ricreare le condizioni della legalità, per salvare la Costituzione.

 

Francesco Erspamer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close