Che senso ha per un padre, per un uomo, tradire qualcuno che ha fiducia in lui?

tradire

“C’è una storiella ebrea, molto diffusa, che dice pressappoco cosi:

«Un padre insegnava al figlioletto ad essere meno pauroso, ad avere più coraggio, facendolo saltare giù da una scala. Mise il bimbo sul secondo gradino e disse: « Salta che ti prendo. » e il bimbo saltò.
Poi lo mise sul terzo gradino dicendogli ancora: « Salta che ti prendo. »
Sebbene il bimbo fosse impaurito, si fidò di suo padre, fece ciò che gli era stato detto e saltò nelle sue braccia.
Poi il padre lo mise sul quarto gradino, sul quinto, sul sesto, dicendo ogni volta: « Salta che ti prendo. » ed ogni volta il bimbo saltò e fu preso da suo padre.
E così continuarono finché il bimbo saltò da un gradino molto alto, ma questa volta il padre si tirò indietro e il bimbo cadde a faccia in giù. Mentre si rialzava, sanguinante e piangente, il padre gli disse: « Questo ti insegni a non fidarti mai di un ebreo anche se è tuo padre. »

Questo storia va molto al di là del suo apparente antisemitismo, tanto più che con molta probabilità è una storia ebrea, lo credo che ci possa dire molto sul tema del tradimento.
Ad esempio: perché si deve insegnare ad un ragazzo a non fidarsi? e a non fidarsi di un ebreo? e a non fidarsi di suo padre? Che senso ha essere traditi dal proprio padre o da qualcuno che si ama? Che senso ha per un padre, per un uomo, tradire qualcuno che ha fiducia in lui? Qual è il fine del tradimento nella vita psicologica? Queste sono le domande che ci poniamo.

Tradimento psicologia
Amare Tradire. Quasi un’apologia del tradimento. (Aldo Carotenuto) Clicca qui per leggere un estratto grauito o per avere il libro!

[…] Ci troviamo qui di fronte ad una verità essenziale sulla fiducia e sul tradimento: l’uno contiene l’altro. Non è possibile avere fiducia senza la possibilità del tradimento. E’ la moglie che tradisce il marito, il marito che inganna la moglie; sono i compagni e gli amici che deludono; è l’amante che usa l’amico per raggiungere il potere; è l’analista che scopre i segreti del paziente; è infine il padre che lascia cadere il figlio. La promessa fatta non è mantenuta, la parola data viene mancata, la fiducia diviene inganno. Il tradimento ci viene proprio da quei rapporti dove la fiducia primaria è possibile. Noi possiamo essere veramente traditi solo quando ci fidiamo veramente — da fratelli, amanti, mogli, mariti, e non da nemici o da estranei. Più grandi sono l’amore, la lealtà, l’impegno, l’abbandono, e maggiore è il tradimento. La fiducia ha in sé il germe del tradimento. Il serpente era nel Giardino fin dal principio, proprio come Èva era già preformata nella struttura che circonda il cuore di Adamo: la fiducia e la possibilità di tradire nascono nello stesso istante. Quando in una unione esiste la fiducia, il rischio del tradimento diviene una possibilità reale con cui vivere continuamente e quindi è parte della fiducia, proprio come il dubbio è parte della fede vivente. […]

Vivere o amare solo quando ci si può fidare, quando si è sicuri ed accolti, quando non si può essere abbandonati o feriti, quando ciò che è stato espresso in parole è impegnativo in eterno, significa essere fuori dalle vie del male e quindi fuori della vita reale. E non importa quale sia il calice della fiducia, se la analisi, il matrimonio, la chiesa, la legge, o un qualsiasi rapporto umano…”

(Per continuare a leggere questo articolo di Hillman clicca qui)

Tradire occhi sguardo

Origine ed etimologia del termine “tradimento”:

«…La parola ‘tradimento’…essa ci si svela, infatti, a una attenta considerazione, non solo etimologicamente ma anche semanticamente ambigua. Sappiamo che il latino ‘tradere’ voleva dire soltanto ‘consegnare’.
Sappiamo anche che i Vangeli, scegliendo quel verbo per descrivere l’atto del consegnare Gesù ai suoi nemici operato da Giuda, lo caricarono di connotati etici, ovviamente negativi.

Ma il malinteso iniziale ha originato, col tempo, altri malintesi e ambiguità:
l’itinerario semantico di questo ‘dannato’ e ‘condannato’ verbo lo ha portato ad approdi diversi, lontanissimi tra loro, talvolta addirittura agli antipodi, letteralmente opposti.

‘Tradisco’ deriva dal latino ‘trado’Trado è termine composto di due morfemi ‘trans’ e ‘do’ (=dare).
Il prefisso trans implica un passaggio e, infatti, i significati originari di trado hanno tutti a che vedere con un dare qualcosa che passa da una mano all’altra. Trado può così significare l’atto di consegnare in mano a qualcuno (in custodia, protezione, castigo), l’atto di affidare per il comando o l’insegnamento, il dare in moglie, il vendere, l’affidare con parole, ovvero il tramandare, il raccontare. Nella forma riflessiva ‘se tradere’ il verbo sta a significare l’abbandonarsi a una persona, il dedicarsi a una attività.

Tradimento Psicologia
TOURNIER NICOLAS – Il tradimento di San Pietro

Il sostantivo corrispondente ‘traditio’ sta a significare ‘consegna’, ‘insegnamento’, ‘racconto’, ‘trasmissione di racconti’, ‘tradizione’. E’ interessante a tale riguardo notare come il ’nomen agentis’ traditor possa significare sia ‘traditore’ sia ‘chi insegna’.
E’ interessante rilevare tale doppiezza nell’introduzione al nostro lavoro perché, come avremo modo di vedere meglio in seguito, ha probabilmente qualcosa da insegnare appunto e, forse, unicamente colui che ha tradito con piena, compiuta consapevolezza. Come analogamente s’esprime Hillman (1964 b, p.99):

“…la nostra conclusione al problema: ‘Cosa significa il tradimento per il padre?” è questa: la capacità di tradire gli altri è affine alla capacità di guidare gli altri.”

‘Tradire’ è venuto con l’andar del tempo a significare di fatto il proprio opposto, smarrendo o, forse meglio, occultando le valenze originarie. Ci si deve allora chiedere come è potuto accadere che dai significati ‘positivi’ si sia passati all’accezione corrente ‘negativa’. L’inversione di significato s’impone già nella latinità e, molto probabilmente, anche a partire dal linguaggio militare. Il significato originario di ‘passaggio’, ‘consegna’, infatti, può avere come oggetto il nemico e può allora connotare l’atto di consegnare al nemico (armi, città ecc.) e di farlo, appunto, tradendo.»

(Amare Tradire: Quasi un apologia del tradimento, di Aldo Carotenuto, Edizioni Bompiani, p.9)


 

LIBRI sul TRADIMENTO:

 

Tradimento Psicologia superare
Tradimento per tutti (di Corrado Roncallo). Clicca qui per averlo subito!

Di cosa parla il libro:

(per non pagare le spese di spedizione sul libro iscriviti gratuitamente a questo link)

Scrivere sul tradimento è quasi una sfida. Psicologi, poeti, filosofi, astrologi, giornalisti hanno formulato moltissime ipotesi sul perché la maggior parte di noi, nonostante scelga di unirsi in coppia, scivoli inesorabilmente nell’infedeltà. Da Medea a Madame Bovary, da Pirandello a Ozpetek – passando dalle storie di Luca, Annamaria e persone comuni – il teorema sembra sempre lo stesso. Qualcuno è convinto che amare significhi meritarsi l’interesse dell’altro a condizione di erogare una venerazione sconfinata; qualcun altro invece, pretende un costante rifornimento d’attenzione come se il valore di se stessi si percepisse attraverso il sacrificio e l’abnegazione del partner. Questo incastro dipendenza-narcisismo si ripresenta da sempre come fondamento di una dinamica mai risolta. L’autore, attraverso l’indagine psicologica e divertendosi a spiare il mito e ciò che la letteratura racconta, individua quanto le radici dell’infedeltà si fondino su questo sventurato connubio. Il libro è ricco di esempi tratti anche da casi reali. L’adulterio appare in tutti i tipi di relazione, in tutte le epoche, ceti sociali e culture: come a dire che il tradimento è per tutti, senza eccezione.


 

Tradimento psicologia
Amare Tradire. Quasi un’apologia del tradimento. (Aldo Carotenuto)

 


 

Tradimento superare Psicologia
“Tra-dire e fare c’è di mezzo A-mare. Discorsi seri e semi-seri di uno psicoterapeuta intorno al tradimento” (di Beppe Sivelli). Clicca qui per averlo subito!

Di cosa parla il libro:

(per non pagare le spese di spedizione sul libro iscriviti gratuitamente a questo link)

Perché essere fedeli oggi? Svincolarsi da antichi pregiudizi ha davvero rivoluzionato a tal punto la vita di coppia da portare a considerare normali certe forme di “nomadismo sentimentale”, adatte al nostro stile di vita molto più libero rispetto al passato? L’infedeltà è ancora vissuta come un’esperienza traumatica e dolorosa? Nonostante tante cose siano cambiate, tradire ed essere traditi fa soffrire ancora molto. Allora che si deve fare? Bisogna essere coraggiosi, dice l’autore, avventurarsi in mari mai navigati e provare a rinnovare dalla base i nostri rapporti. Bisogna sbarazzarsi della vecchia, statica idea di un rapporto di coppia dato una volta per sempre e scegliere ogni giorno la persona che abbiamo accanto, cercare entusiasmo e novità. L’autore prende per mano e fa riflettere, suggerisce dei giochi per dare nuova vita ai rapporti e, infine, per far sorridere ancora un po’, offre qualche pillola di umorismo e di saggezza dei grandi del passato sul tema dell’infedeltà.

 

Fonte:http://www.jungitalia.it/2016/04/02/laltra-faccia-del-tradimento-psicologia-del-tradire-ed-etimologia-del-termine/

Foto RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close