Palazzu Ziccarelli

ziccarelli14

 

Facitimi a scattà nata fotografia

p’a tena semp ‘nand all’ucchij mia,

pura si mi fa chiang  ri nostalgia;

fors, je’ a miricina justa pi sta malatia…

 

Chiurennu a porta nun sungu cumpiaciutu

si pensu a quant vote acghju japruta,

a quannu si sentiva riri e chiang

e faciamu tutti i juchi ‘ndu’ vicinanz…

 

‘Ndà su muru ancora ci su li juri,

adduv u virnu jè sempre primavera

e ci sulìa na gatta ca cura muzza,

chi tutti i jumi gira stu palazzu…

 

Nu stemma, na stella e duij liuni,

non fanu chiù la guardia a stu purtunu…

e n’è ci su li mammi allu scaluno

ch’imparanu i ricami alli guagliune…

 

Pinzenn quante vote i zii mia,

pi stu palazzu, America su juti…

e quista è a vita! Pinzava ‘ncap ammia!

Virenn chiusa e abbandunata puru a casa mmia!

 

Fonte: “LO SPECCHIO DELLA VITA” di Angelo Console, Brignoli Edizioni

One Reply to “Palazzu Ziccarelli”

  1. franco ha detto:

    Bellissima poesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close