Orsomarso e il suo dialetto: CUTRONI

scalea -cutroni

16 luglio, festa della Madonna del Carmine.

A Scalea è festa grande. Richiama gente da tutti i paesi vicini.

Per i contadini di un tempo era il momento buono per vendere e comperare.

I più richiesti erano i cutroni, utili per conservare le magre provviste di cui disponevano.

Cutrone è una delle tante parole del nostro dialetto che derivano dal greco:

da cutra  o cutros ( tegame, pentola). Nel dialetto, in genere, viene usato al plurale: cutroni.

I più andavano a piedi;  gli acquisti  li portavano le donne con le ceste oppure venivano sistemati nei cufini e caricati sugli asini.

Nella foto, “trasformata” a colori, vedete una fiera di molti anni fa.

Scalea ancora non era stata massacrata dal cemento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close