Comitato Parchi: E ADESSO BASTA! L’ITALIA S’E’ DESTA…

ORSOMARSO – Valle dell’Argentino

 

Forse è arrivato davvero il momento del risveglio del vero impegno civile, del patto sociale, dell’identità e dell’orgoglio di un popolo, della memoria storica, della cultura, della qualità della vita, della responsabilità per il futuro, della solidarietà, dell’amore per la terra, del rispetto per la natura e per l’ambiente. Sono finalmente di nuovo felice di essere italiano.

Quello che sta avvenendo lo vediamo, quello che è accaduto lo sappiamo, quello che succederà da oggi in poi dipende solo da noi. Se la bussola era deviata, se il timoniere riceveva ordini da chi voleva solo renderci schiavi, se i giullari del principe narravano sempre di trionfi e luci dopo il tunnel, se la navigazione ci stava portando verso un vortice senza ritorno, ora è possibile davvero cambiare rotta.
Incominciando a dire chiaramente che:
Non ci illuderete più con false promesse;
Non distruggerete più il ceto medio e le piccole imprese;
Non vi prostrerete più ai piedi della finanza internazionale;
Non ci sommergerete più di tasse, imposte, accise e balzelli;
Non umilierete più il lavoro con ricatti occupazionali e facili licenziamenti;
Non illuderete nessuno con la falsa prospettiva di uno sviluppo senza limiti;
Non consentirete più la proliferazione della droga delle macchinette d’azzardo;
Non cementificherete più questo suolo che ci aveva nutrito per migliaia di anni;
Non trivellerete più ogni tratto di terra e mare aumentando i rischi sismici (NoTriv)
Non scorticherete le montagne e le foreste provocando dissesto idrogeologico;
Non riempirete più il Bel Paese di disastrose centrali a biogas e a biomasse;
Non deturperete più il nostro paesaggio con pale eoliche rifugio di malaffare;
Non ci racconterete che l’alta velocità in Val di Susa è per il bene di tutti (NoTav);
Non invaderete la laguna di Venezia con le supernavi da crociera (NoNav);
Non aprirete alla caccia sfrenata tutto il territorio italiano, in ogni ora e stagione;
Non sopprimerete il corpo forestale e le altre forze di contrasto ai crimini ecologici;
Non distruggerete la risorsa inestimabile dei nostri parchi nazionali di terra e di mare;
Non continuerete a svendere il nostro patrimonio artistico, storico e architettonico.

E potremmo ancora continuare, ma per ora basta. Almeno riflettiamo un poco …

Centro Parchi Internazionale

www.comitatoparchi.it www.facebook.com

Foto RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close