Grande guerra – Lettere dal fronte

 

 

“Tutti i campi di battaglia furono nella prima guerra mondiale teatro di orrori inimmaginabili. I racconti dei sopravvissuti, le fotografie e i documentari esistenti possono solo in modo molto approssimativo fare rivivere il momento infernale dell’attacco e la sofferenza prolungata della vita di trincea – sperimentata per la prima volta durante il conflitto mondiale. L’amplificazione della capacità distruttiva dei nuovi mezzi tecnologici trasformava gli scontri in orrendi massacri; la durata della permanenza in trincea procurava terribili patimenti morali e materiali.”

 

Ecco la voce di due soldati:

 

«O cari genitori a vedere le lacrime che si fanno e i gridi che fanno quelli feriti è una cosa da piangere della paura. Io quasi non lo faccio più il conto di ritornare ancora nelle vostre braccia e davanti ai vostri bei ocelli o cari miei genitori e fratelli, non si vediamo più»

 dal monte Maio, I° luglio 1916.

 

« Se ti rivasse notizia che sono morto, non dire che sono morto per la Patria, ma che sono morto per i signori, cioè per i rìchi che sono stati la causa di tanti buoni giovani, la colpa della sua morte»

«Notiziario sullo spirito delle truppe», 15 aprile 1917

 

 

Da “SOLDATI E PRIGIONIERI ITALIANI NELLA GRANDE GUERRA”, di G. Procacci, Bollati Boringhieri

 

Nella foto vedete Angelo Freni militare (al centro)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close