Un paganesimo di ritorno

Otto individui che possiedono, in otto, la stessa ricchezza di tre miliardi e mezzo di persone. Ma c’è chi li difende e molti di più li accettano — gli stessi che invece guardano con rabbia a chi abbia uno stipendio o una pensione (immancabilmente “d’oro”) che siamo il doppio dei loro.

Del resto in America la classe media strangolata dal neocapitalismo mica è diventata comunista: no, si è scelta come idolo un miliardario (non milionario) figlio di papà come Trump; perché ha promesso di tagliare i finanziamenti ai poveri, per costringerli a lavorare anche loro come schiavi invece che vivere di assistenza pubblica, lui, che in vita sua non ha mai lavorato.


Il fatto è che i miliardari non sono uomini. Sono astrazioni, sono dèi. E troppa gente, persa la fede in un Dio o in un ideale, si accontenta di celebrity. La società del libero mercato senza vincoli e controlli non sta solo, intenzionalmente, creando un analfabetismo di ritorno; sta anche creando un paganesimo di ritorno. Governato non da una legge e da una morale (per quanto arbitrarie) bensì dal successo e dalla fortuna.

Prima ancora di cominciare a lottare per l’eguaglianza occorre, urgentemente, impegnarsi per ritrovare e ristabilire dei valori comuni, senza i quali non c’è razionalità, solidarietà, buon senso e ogni abuso diventa non solo possibile ma legittimo

 

Di Francesco Erspamer

Dalla pag. fb dell’autore

Foto RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close