La povertà non è un concetto

 

Da molte parti ed in tanti luoghi la cultura afferma che l’emarginazione e la povertà sono assenza di qualcosa, privazione di oggetti, mancanza di beni da usare e consumare.

È vero anche questo: ma soprattutto è vero che esse sono anche la mancanza di qualcosa d’altro, qualcosa che ci fa stare inermi nelle relazioni con gli altri e con le istituzioni.

Non ci è concesso di poter partecipare, di poter decidere, di poter dire la nostra, sui problemi e i fatti che interessano anche noi, quali la pace, il lavoro, la salute, la scuola, la città, e così via.

La differenza tra emarginati e no non sta nel portafoglio vuoto o nel conto in banca, ma consiste nella connessione di dipendenza comunque esistente per cui gli uni succhiano dagli altri fino al midollo lasciandoli scheletri di uomini a ridosso di tutti i non sensi della vita.

Conosciamo già la dipendenza dei paesi del terzo mondo dalle nazioni industrializzate: sono paesi devastati dai mercati internazionali, “guidati” da governi-fantoccio a loro volta dipendenti, impoveriti grazie agli “aiuti” assistenziali.

La ricchezza non è una realtà astratta che abita soltanto nelle case dell’opulenza. Abita ovunque.

Si insinua nelle-città per costruirle come vuole; esce dai cancelli delle fabbriche per comandare anche nelle case; va in Parlamento per farsi le leggi a sua misura; penetra nelle menti delle persone per dirigerne i desideri e i sogni.

Nemmeno la povertà è una realtà astratta.

Essa si incarna negli uomini, nelle donne, nei bambini, ovunque.

La povertà è la moltitudine dei poveri, è la loro storia, è la loro vita in compagnia della sofferenza inutile.

I poveri conoscono fin sotto la pelle, fino alle viscere e al cervello, faccia a faccia, il volto della miseria.

II dolore è il solo a rimanere loro fedele.

Questa moltitudine è disgregata, costretta a stare lontano, semmai sotto agli altri e fuori da ciò che chiamiamo progresso: non stiamo più parlando del terzo o quarto mondo, stiamo descrivendo gli emarginati di casa nostra.

(Continua)

 

Dal MANIFESTO contro la cultura dell’emarginazione

 

 

Il “Manifesto” è stato ideato ed elaborato nella Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close