Il tempo del maiale

 

Era d’inverno. Ed era il tempo del maiale.

Nella casa sotto gli ilici ci si radunava per condividere fatiche e convivialità. Il focolare era sempre acceso. Dovunque carne, spezie, intingoli. E profumi, intensi. Le voci s’intrecciavano e rendevano dolcissimo il racconto.

 

Ora la porta è chiusa.  La voce che dava calore e senso si è spenta. Solo silenzio.

La memoria, però, custodisce quel che è stato e si adopera affinché niente vada smarrito.

 

Sono molto riconoscente a mia cugina, Antonietta Russo, (che vedete sulla destra) per questa foto. Volti che mi appartengono: Rita Tuoto, Antonietta Candia ed Angela Di Leone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close