C’è una percentuale della popolazione, i vincenti, a cui l’eguaglianza non piace, neppure l’eguaglianza nel benessere

 

Le nuove tecnologie avrebbero potuto essere un bene comune capace di sconfiggere la miseria e di rendere l’esistenza di ciascuno degna di essere vissuta. Purtroppo c’è una percentuale della popolazione, i vincenti, a cui l’eguaglianza non piace, neppure l’eguaglianza nel benessere: loro vogliono essere e avere più degli altri e possibilmente tutto. Per colpa della loro avidità e della passività della gente è stata persa un’occasione storica per portare nel mondo la giustizia: per colpa loro il progresso tecnologico e scientifico è stato usato per creare la più oscena ineguaglianza economica della storia, imbruttire il pianeta, dissipare risorse naturali e culturali accumulate in millenni.


In questa situazione il reddito di cittadinanza è un espediente insufficiente ma necessario per impedire che i lavoratori, costretti a competere con le macchine, perdano qualsiasi potere contrattuale. È un punto di partenza, non di arrivo. I ricchi e le loro multinazionali lo sanno benissimo; non lo vogliono per lo stesso motivo per cui cercano di distruggere il welfare e incoraggiano le migrazioni incontrollate: perché hanno bisogno di una massa di disperati da sfruttare e mettere gli uni contro gli altri. Quando tutti avessero di che vivere dignitosamente il ricatto del neocapitalismo verrebbe meno e inizierebbe la sua fine.

Francesco Erspamer

Dalla pagina fb dell’autore

Foto RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close