Un pino distorto

 

In alto c’è un pino distorto;
sta intento ed ascolta l’abisso
col fusto piegato a balestra.
Rifugio d’uccelli notturni,
nell’ora più alta risuona
d’un battere d’ali veloce.
Ha pure un suo nido il mio cuore
sospeso nel buio, una voce;
sta pure in ascolto, la notte.

Salvatore Quasimodo

 

PARCO DEL POLLINO – Serra delle Ciavole

2 Replies to “Un pino distorto”

  1. Vittorio ha detto:

    Ciao Papà, questa me la ricordo dagli anni di studio, forse sono serviti a qualcosa. Un abbraccio. Vittorio

    • admin ha detto:

      Caro figliolo,

      la scuola serve. Serve per attrezzarsi a vivere meglio, consapevole dei propri diritti; serve per saper cogliere la bellezza, il piacere del dubbio; serve per capire le parole che raccontano il mondo e la vita. Solo uno squallido figuro poteva ritenere che con la cultura non si mangia. Ma questo mette capo allo squallore del nostro tempo.

      Ti abbraccio

Rispondi a admin Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close