SEGHERIA

Fate girare indietro la ruota del tempo.

Fermatevi al 1949.

Alla Segheria ancora c’è vita. Dalle montagne teleferiche e camion portano tronchi. Una sirena scandisce i tempi della giornata lavorativa. A sera gli operai tornano a  casa col tascapane a tracolla. La Valle dell’Argentino brulica di gente, di automezzi, di teleferiche, di pastori. C’è anche un trenino che va e vine da Canale Tufo carico di fusti di faggio.  Mare Piccolo accoglie molte famiglie in baracche. I muli portano su l’essenziale per vivere. Ogni tanto si fa vivo anche qualche prete per la messa.

Alla Vianova, mattina e sera, è uno sciamare di contadini, a piedi o a dorso d’asino. Spendono la giornata nei campi per strappare alla terra il necessario.

La popolazione cresce. Negli anni Cinquanta arriverà a circa 3300 unità.

Le notizie più importanti le porta in giro Zi’ Federico, banditore. Poi verrà Learco (“A chiazza su arrivati i pisci a tanto u chilu…”).

A preti, medici, avvocati, benestanti, ci si rivolge col “don”, qualcuno ne approfitta. I contadini sanno di non avere “potere”. Molti sono analfabeti. Molti vanno scalzi anche d’inverno. Molti portano nell’animo e nel corpo cicatrici della guerra appena finita.

Da lì a poco la Storia volterà pagina.

La Segheria consumerà gli ultimi scampoli di bosco, poi la fine. L’emigrazione svuoterà il paese. I rovi e la macchia si riprenderanno tanti campi. Il Sessantotto metterà radici anche ad Orsomarso. Finisce la civiltà contadina.

Il “don” lo conserveranno solo i preti.

Nella foto fatta alla Segheria vedete Salvatore Bottone e Raffaele Russo. Degli altri due signori non so dirvi il nome, me ne scuso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close