L’avaro ed il mendicante

 

Un mendicante andò a bussare alla porta di una casa e chiese la carità d’un tozzo di pane. Il padrone gli rispose:

«Tu sei matto. Come pretendi di trovare qui del pane? Questa casa non è certo una panetteria». Il povero insistette: «Se non c’è il pane, allora datemi, vi prego, un bocconcino di carne». E il padrone: «Eh? Vattene via, questa non è certo una macelleria». Il mendicante ancora: «Gentile padrone, non avete almeno da darmi un cucchiaio di farina?». E lui: «Guarda un po’ questo qui, adesso crede che la mia casa sia un mulino!». «Almeno un sorso d’acqua…».  «Pensi forse che qui scorra un fiume o che qui dentro io nasconda un pozzo?»

Il dialogo andò avanti così per un po’, e a ogni domanda del povero il padrone rispose con crudeli parole di derisione.

A un tratto allora il mendicante si calò le brache, entrò in casa e si accucciò sul pavimento per farvi i suoi bisogni.

L’avaro gridò: «Pazzo! Miserabile! Che cosa stai facendo?».

Il povero rispose: «Non è forse normale trovar sollievo alle proprie impellenze in mezzo ai ruderi e alle rovine?

Dal momento che in questa casa non c’è alcun mezzo di sostentamento, ebbene non è una casa ma una rovina, ed è ben lecito usarla come latrina».

 

Da “Ascolta la musica dell’anima”, di Rumi, Oscar Mondadori

Foto RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close