CANZONE DI SDEGNO –  J’era murtu ri sita

Si sa, i percorsi dell’amore sono imprevedibili: giardini ameni, brughiere, montagne faticose …

A volte s’interrompono bruscamente, e persino la bussola fatica per ritrovare l’orientamento. Il dopo è aspro, a volte acido; raramente mantiene l’antico sapore che addolciva il tempo e le cose.

Nell’aspro del dopo nascevano, nel mondo contadino, le “canzoni di sdegno”. Erano invettive che l’innamorato deluso rivolgeva all’antica stella del mattino.

J’era murtu ri sita e la truvai

Na funtanella  ri ‘mminzu la via.

Quannu j’ivi pi ci mi lavari

La funtanella s’arrassaja ra mia

“Si si funtana faccimi viviri,

Ma si si donna faccimi parlari.”

“Non sungo funtana pi dari acqua a tia

E nimminu si omu ri parlà cu mia.”

                                                                    …

“Sdegno chi mi sdignasti tantu stu cori

Nu bogghju né ti viri e né ti senti.

S’incontro lu riavulu mancu sckantu,

Ma si bigo a tija mi spaventu e sckantu.

Dalla voce di Manlio Forestieri. Lo ringrazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close