A sirinata

 

Vulera sent na sirinata,

come si usava t’ant anni fa…

a menz’anotte ‘mpunta, a luna compiacente,

s’ammuccia nu mumentu, pi mi fa suspirà…

Volano ‘ncielu paroli ruci,

canta nu coru n’anima ascuta,

sta vucia r’angelo ‘ndà sta nuttata,

vena e mi porta sta sirinata.

E mo chi puri a luna si è ammucciata

e ma pigghiatu sta malincunia…

sentu st’amuri chi scava ‘mpittu a minia.

E a notte s’a purtatu puri i stelle,

e n’è rimasa guna a chiù lucente…

che chianu chianu lassa u postu u jurnu

e si su fatui i cingu e ij nu dormu…

E mò chi puri a luna jè tramuntata,

e alla finestra su rimasa triste e muta…

ij che u cori mia agghjiu sbannatu,

già aspettu, quannu vena nata vota…

 

Di Angelo Console

Da LO SPECCHIO DELLA VITA, Brignoli Edizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close