PARMARIJE- Le malizie di San Pietro

Nei tempi antichi, nostro Signore Gesù Cristo viveva in mezzo agli uomini; e mentre viveva così in mezzo agli uomini andava in giro insieme ai suoi dodici discepoli di paese in paese e predicava l’amore, la carità, la fratellanza. Quando i discepoli avevano fame, bastava chiedere ai contadini, alla gente, e ottenevano frutta e pane.

Un giorno però dovettero fare un lungo tratto di cammino senza incontrare nessuno e i discepoli furono assaliti da una grande fame.

Il Signore a un tratto disse:

“Prendete una pietra per ciascuno.”

I discepoli presero una pietra per uno dalla grandezza di un pane. Solo San Pietro, per non affaticarsi, prese un sasso grosso quanto un pugno. Il Signore, che leggeva i pensieri di tutti, si volle divertire un poco di questa malizia di San Pietro. A un tratto si fermò e disse:

“E’ ora di mangiare, figlioli.”

Alzò il braccio e benedisse le pietre che i discepoli avevano in mano. Le pietre si trasformarono in pane. Ogni discepolo si sfamò. Solo San Pietro, per via di quel sassolino che aveva preso, rimase quasi a stomaco vuoto. Era triste, ma non parlava; però fra sé pensava: «Un’altra volta, Maestro mio, non me la farai!».

II Signore Gesù Cristo che gli leggeva i pensieri se la rideva  fra sé e sé.

Il giorno dopo fecero un altro lungo tratto di strada senza imbattersi in alberi da frutta o in contadini che dessero loro un poco di pane. Il Signore, quando vide che i discepoli camminavano le rame lemme per la fame, disse:

“Prendete una pietra, figlioli.”

San Pietro capì che si mangiava… e prese un massello e se lo caricò sulle spalle. Gli altri discepoli presero una pietra uguale a quella del giorno avanti.

Il Signore che amava in certi momenti divertirsi della semplicità e malizia di San Pietro fece fare un altro bel tratto di strada e San Pietro sudava e affannava a portare il massello in spalla. Quando al Signore parve, disse:

“Fermatevi, ragazzi.”

Tutti si arrestarono ed erano convinti che si mangiasse. Ma Gesù nostro Signore disse:

“Visto che avete la pietra, sedetevi sopra e riposatevi.”

Uh, San Pietro rimase così male, spalancò così tanto occhi e bocca, che gli altri Apostoli scoppiarono a ridere, a ridere; e ancora sono là che ridono.

Da MITI, RACCONTI E LEGGENDE DI CALABRIA, DI S. Strati, Gangemi

Foto RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close