U SIGGIARO

 

Il mondo contadino, lo sapete, si reggeva sull’essenziale. La dote di una ragazza al momento del matrimonio era formata da  un letto, un tavolo, qualche sedia e una cassapanca.

Non si producevano molti rifiuti, perché non c’era molto da rifiutare e perché le cose rotte si aggiustavano.

Calzolai, falegnami, sarti, caurarari erano impegnati, spesso, a riparare il rotto.

Anche i seggiari erano una risorsa.

Nelle case c’erano solo sedie artigianali. Solo i benestanti si potevano concedere poltroncine o divani di un certo valore.

Ad un telaio di legno con spalliera si fissava poi un sedile impagliato, di solito, con tagliamani.

U siggiaro, oltre al lavoro in bottega, faceva l’ambulante. Portava con sé sedie nuove ma era disponibile anche a riparare le vecchie.

Nella foto vedete ‘na siggiara al lavoro.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close