Cinquanta

Da Torino insegnavano a fare una radio per

corrispondenza,

il droghiere vendeva i fagioli nei sacchi, le olive nel

cartoccio.

Le scarpe era peccato di sciuparle, di giocarci a pallone,

meglio scalzi. Le persone gridavano anche da vicino.

Le polpette al sugo una volta a settimana,

l’olio di fegato di merluzzo curava tutto.

Il sole arrivava di pomeriggio, il cielo era un ospizio di

santi,

il mare una passeggiata di domenica.

Nessuno diceva: non ho parole. Col dialetto le teneva

tutte.

Tutto era napoletano, pure le carte da gioco.

I soldati no, erano americani.

I denti caduti non ritornavano,

il freddo ammazzava gli anziani, febbraio era il nome

di una epidemia.

Tra quelli che sapevo, nessuno mancava, non c’erano

i morti.

La cosa più bella da vedere era una nave,

la più preziosa era una libreria.

ERRI DE LUCA

Foto RETE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close