PADRE

Il peso di un padre è piuma, è piombo

è un regalo, è un fardello

il peso di un padre è la soglia di casa, è l’esilio

è il giorno che ti accompagnò a scuola, il giorno che non ti aspettò fuori.

Il peso di un padre è giusto, è iniquo,

il peso di un padre è l’umanità smisurata riassunta in un corpo,

non è niente in una misura cautelare,

il peso di un padre è la patria, è il confino

è l’estate jonica, piena di luce, cicale e mare,

è libertà ristretta, carta che aspetta un timbro.

Il peso di un padre è un paese fiorito di gente,

è un paese svuotato a forza di legge.

Il peso di un padre è tutti i popoli insieme,

è un presidio armato alla frontiera,

il peso di un padre lo carichi in spalla,

per fuggire dalla città in fiamme.

Il peso di un padre lo prendi in braccio

per tornare alla città bruciata,

è il muro che cade, la pietra che riedifica.

Il peso di un padre è giustizia,

il peso di un padre è sempre il peso di Anchise,

chi lo regge conduce con sé il tempo che è stato

con il tempo che verrà,

è l’umanità che salva se stessa,

chi lo porta mantiene sempre la terra promessa

anche quando la chiamano terra perduta.

Saverio Pazzano

FOTO: Vittorio Di Leone, mio padre, Luciano Di Leone, mio cugino

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivi

Categorie