Orsomarso ed il suo dialetto: CIRNICCHIO, SITAZZO, ZARICCHJA

Sitazzo

Segghje, setacciare.

Sitazzo, recipiente di forma circolare che serve per setacciare   

Da sito (σήθω), setacciare.

Ad Orsomarso c’erano due recipienti di forma uguale, ma fatti con materiali diversi e con funzioni diverse.

Cirnicchio

U cirnicchio (probabilmente da koskinon (κόσκινον), setaccio, fatto di vimini; serviva per setacciare (segghje) cereali (grano soprattutto), legumi ecc…

U sitazzo, fatto con una fascia rotonda di legno e per fondo un retino metallico. Veniva usato per setacciare (cerne) la farina, separandola dalla crusca.

Esistevano anche due verbi per indicare i due tipi di lavoro:

si segghjva il grano cu cirnicchio,

e si cirnija a farina cu sitazzo.

I muratori avevano due tipi di setaccio: uno di forma rettangolare e l’altro, più piccolo, di forma circolare.

Servivano per ottenere sabbia fine, usata per intonacare. La sabbia migliore si trovava a Rinagghja, la collina posta a nord  del paese, verso la Vadda, prima di arrivare a Petra u Gaddo.

………………………………….

Scarparo che ripara zaricchje

Zaricchje, scarpe malandate, quelle che di solito si trovavano a maneggiare i calzolai.

Da tsankáris (tσαγκάρης), calzolaio

Nel tempo contadino c’era chi non si poteva permettere il lusso delle scarpe, nemmeno d’inverno. E quando se ne aveva un paio si usavano anche se sbrindellate, con aperture improvvise per dita o talloni. Capitava che il calzolaio non sapesse dove mettere mano per ridarle una forma.

La morsa della miseria è crudele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close