CANTI POPOLARI – Nun è cuntento lu patrunu mio

Questo antico canto popolare orsomarsese racconta la giornata di uno zappatore. All’ingordigia dei padroni si contrappongono le dure fatiche di tanti poveri cristi, per una “ffedda ri pane”.

.

Canta lu gaddu alla jurnata nova,

Mentre m’abbijo(1) a lu lavuru anticu.(2)

Va cu ‘na cista ‘ncapu na villana.

Tira lu surcu ‘nfunnu lu gualano.(3)

Su longhe l’ure  all’aria ‘nfucata,

Jetta surur’a fronte a la zappata.

Porta ‘na guccia r’acqua ‘nu grazzunu,

Sutt’a ‘na chianta mangio nu vuccuno.

Ha fatto notti, dorme la marina;

Allu masunu(4) torna la gaddina.

Lu Cristo ‘ncruci guarda lu pizzente,

Ma lu patrunu mio nun è cuntento.

Nun è cuntento lu patrunu mio,

Ricia ca vita mia nun è la mia.

Canta lu griddo vascio a lu pantano.

Quanta fatica pi na ffedda ri pane!

NOTE

  1. Mi avvio
  2. Zappare
  3. Bifolco
  4. Pollaio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close