Memorie del glicine

Tutti i miei sogni allora e le speranze
gli sconforti e i silenzi, padre mio,
eran tua gioia e affanno.
E vegliavi su me dal tuo balcone
di glicine fiorito,
mentr’io, sotto l’antico pergolato
d’edera, ricercavo il mio cammino
sui libri o tra le nuvole smarrito.
Il piccolo giardino
aveva ad ogni fiore
un’ape ed un mio sogno
in un cerchio di rondini canore.

Felice Mastroianni

FOTO: Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close