MARIA

La signora è Maria Nepita, moglie di Francesco Rienti.  In paese era più conosciuta come Maria a Piamuntisa, perchè il suocero, Domenico, era originario di Altomonte. Aveva una bella voce e sapeva tanti canti popolari. Intensi erano quelli che cantava il Venerdì santo.

Il nipote, Manlio, mi ha passato questo canto d’amore che ha appreso da lei.

QUANNU NASCISTI TU, BELLA FIGGHJOLA

Quannu nascisti tu, Bella figghjola,

nascijini quattru fate c’affatavano.

Guna ri quidda chi culava l’oru

Tutta ssa faccia bella ti ‘nduraja.

Occhi nivura mia, cori r’amanti,

cu ti ni vo livà ra quista menti.

Tu tanno ti ni vai ra la mia menti

Quannu li cori nustri su cuntenti.

Svegliati bella mia ca jurnu è fattu

Ca lu sunnu ti guasta ss’ucchji belli.

Rosa russa nata alla Marina

Tu ci si nata pi mi fa muriri.

Tu ci si nata pi mi fa muriri

Oppuramenti pi mi fa rannari.

Vulera sagli ‘n cilu si putissi

Cu ‘na scaletta ri tremila passi.

Vulera arrivà allu minzu e si spizzassa

E ‘mbrazza alla mia bella pu carissi.

Bella c’agghju cantatu ‘mperi a quissi mura

L’acqua e lu vintu ci m’anu cunzumatu.

Li truni mi parijani ‘mbasciaturi

E li lampi mi parijini torci allummati.

Ssa vija mi parija campu ri hjuri

Ssa casa mi parija campu r’amuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close