ORSOMARSO – A Funtana ri sckattamassaro

Crivo di Sant’Angilo -Sulla destra la zona della fontana

Era una limpida giornata di primavera. Il sole lentamente scendeva nella valle e ne esaltava i colori. Io e Silvia tornavamo da una camminata alla Vadda, gustandoci la dolcezza del paesaggio. All’altezza ra Nucidda incontrammo Quintino, che, con passo incerto, accompagnato dal suo cane parecchio acciaccato, se ne andava a Magro, a prendersi cura delle poche bestie rimastegli.

“A virisi quidda petra?”, disse, indicando un piccolo sperone di dolomia sotto la Grotta di San Nilo. “’Na vota dda c’era na funtanedda, ci nascija l’acqua. I cristiani chi passavunu, vivijunu vivijunu, picchì c’arrivovunu murti ri siti. U cuntu j’è ca ‘na vota  alla casa si sintijini mali, avijini mali ri panza, certi si vummicavunu. Chi j’è e chi nu j’è nun sapiunu comi mai ssi ruluri, si prima stavunu bunu. A quarcunu vinna ‘ncapu ca putija jessi l’acqua ra funtanedda. A gente cuminciaja avì pagura e passava diritto. Cu nu bivija stava bunu.  E cusì a funtanedda a guardavunu sturto. Cuminciajni alla chiamà a Funtana ri  sckattamassaro. Ma picchì quidd’acqua facija mali ancora nun u sacciu”.

A Quintino invece cent’anni e passa ri bona salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close