ALBERTO CAVALIERE, il calabrese che mise la chimica in versi

Alberto Cavaliere (Cittanova, 19 ottobre 1897 – Milano, 7 novembre 1967) è stato un poeta, giornalista e politico italiano.

Dotato di una straordinaria capacità nel creare versi in rima, appena dodicenne venne espulso dal collegio per una poesia che satireggiava i suoi professori: un componimento caustico ma dalla metrica ineccepibile.

Alberto Cavaliere viene spesso ricordato per la sua Chimica in versi, originale libro scaturito da un esame non superato all’Università. Non scoraggiato dal fallimento, decise di rendere in versi l’intero corso di Chimica generale; si ripresentò davanti al docente e cominciò, ad ogni domanda, a sciorinare le sue rime, superando l’esame, davanti al professore dapprima spiazzato poi meravigliato dall’abilità poetica del suo alunno.

Laureatosi in Chimica alla Sapienza – Università di Roma, si trasferì a Milano dove esercitò per un breve periodo la professione di chimico, poi abbandonata per dedicarsi alla satira in versi ed al giornalismo. Durante il fascismo, Cavaliere partecipò all’opposizione contro il regime; iscrittosi per qualche anno al P.C.I. clandestino, dopo l’8 settembre si iscrisse al P.S.I..

Cavaliere con la moglie ed i figli a Venezia

Sposato con un’ebrea russa di nome Penny Kaufmann, detta Fanny, con due figli (Alik, poi scultore e docente, e Renata, poi pediatra e imprenditrice degli yogurt Yomo, da vedova del fondatore Leo Vesely) considerati ebrei dalle leggi razziali allora vigenti, Cavaliere è costretto a 17 lunghi mesi di fuga e clandestinità fino alla Liberazione. La suocera e la cognata Sofia Schafranov sono deportate ad Auschwitz. Nel 1945 Cavaliere raccoglierà la testimonianza della cognata, una dei pochi sopravvissuti dalla deportazione, nel libro: I campi della morte in Germania nel racconto di una sopravvissuta, in quello che è il primo memoriale di un reduce di Auschwitz ad essere pubblicato in Italia.

La popolarità acquisita da Cavaliere nell’immediato dopoguerra convinse il partito a candidarlo nel 1951 al Consiglio Comunale di Milano e due anni dopo alle politiche. Entrambe le candidature si rivelarono vincenti, ottenendo voti di preferenza maggiori di tanti politici di professione. Deputato per il P.S.I. nella legislatura 1953-1958, non perse la sua vena poetica, presentando argute e pungenti interrogazioni parlamentari in versi che, secondo molti, gli costarono la ricandidatura.

Il 30 ottobre 1967, una motocicletta lo travolse a Sanremo. Ricoverato nell’ospedale locale e poi trasferito a Milano, morì la mattina del 7 novembre, dopo una notte passata in rianimazione. Dopo la cremazione, le sue ceneri vennero poste al Cinerario di Levante del Cimitero Monumentale di Milano, nella tomba 79, che in seguito ospiterà anche le ceneri del figlio Alik, noto artista e docente.

Il Comune di Milano gli intitolò una via, mentre il suo paese natale, Cittanova, gli intitolò una piazza e nel 1973 commissionò, in sua memoria, una scultura al figlio Alik.

FONTE: https://it.wikipedia.org/wiki/Alberto_Cavaliere#:~:text=Alberto%20Cavaliere%20viene%20spesso%20ricordato,esame%20non%20superato%20all’Universit%C3%A0.

FOTO: Rete

Nella mia classe alla scuola media ad Orsomarso il professore di scienze (Sortino)  fece studiare alcune strofe della CHIMICA IN VERSI di Cavaliere. Ricordo quelle dedicate al vino:

Di… vino alcool etilico,
magnifico demonio,
materia in cui l’idrogeno,
l’ossigeno e il carbonio

.

non sono aridi simboli,
ma con sapiente giuoco
son diventati… spirito,
luce, fragranza, fuoco,

.

tu che abbellisci agli uomini
l’inconcludente vita,
che ardenti sogni susciti
e con bontà squisita

.

uguagli al ricco il povero
e l’ignorante al dotto,
tu, tu sei dell’organica
il principal prodotto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close