L’INFLUENZA DELL’ARABO sui cognomi calabresi

Ali “nome arabo di persona “‘ali” (Rohlfs);

Alimena, “al-iman” = “la fede religiosa” (Rohlfs);

Amirà (o Armirà), cognome diffuso in RC, CZ e in Sicilia (Rohlfs) ,”amir” = “principe, emiro; capo, comandante” (Traini);

Arrigale, cognome diffuso in CZ, “rahl” = “casale” (Rohlfs); probabilmente l’arabismo sarà stato integrato con l’articolo determinativo (“ar-rahl”);

B(a)ragaddà, “baraka all_h” = “benedizione di Dio” (Pellegrini);

Barillà, “barr allah” = “devoto di Dio”; cognome diffuso in RC e CZ, collegato però secondo Rohlfs al greco “βαρελασ” = “barilaio”; [cfr. siciliano Barrilà] (Pellegrini);

Burzomi, cognome diffuso nella zona di Taurianova < secondo Rohlfs, forse dall’arabo “birsàrmi” = “affetto da pleurite” (Pellegrini); cfr. anche il cognome Burzumato, presente nel reggino, con probabile suffisso romanzo;

Bosurgi, “buzurg” = “grande”, di origine persiana (Pellegrini); secondo un’ipotesi di Pensabene, il cognome deriverebbe invece dal latino “boves” + “urgeo” = “spingo i buoi”, “conduttore di grosso bestiame” (Pensabene, 1987);

Càfaro, cognome in CZ (Rohlfs), “kafir” = “miscredente” (Traini); [cfr. cognomi in Sicilia Càf(f)aro, Caffarelli];

Carere, Careri, “harrar” = “tessitore” (Rohlfs) o forse la variante corradicale “hariri” = “venditore di seta” (Caracausi);

Cassare, cognome diffuso in CZ, “qasr” = “castello” (Rohlfs);

Còrapi, Còrabi, “gurab” = “corvo” (Pellegrini);

Fameli, cognome diffuso in RC e CZ (Rohlfs), “hamila” = “boscaglia, macchia” (Traini);

Fùrfari, “farfar” = “irrequieto” (Pellegrini);

Fàzzari, cognome diffuso in RC, CZ e CS (Rohlfs) “hassar” = “fabbricante di stuoie” (Pellegrini);

Gangemi, Cangemi, cognome diffuso in RC e CZ (Rohlfs) “haggam” = “applicatore di mignatte, barbiere” (Caracausi);

Galifi, cognome diffuso in RC e in Sicilia (Rohlfs), “halifa” = “successore, vicario, califfo” Traini);

Garufì, “qaruf” = “duro, crudele” (Rohlfs);

Jelapi, Ielapi, cognome diffuso in RC “yalab” = “scudo” (Rohlfs);

Lucibello “Mongibello” = “definizione del monte Etna e del “diavolo” che vi abita sotto” < latino “mons” + arabo “gabal, gebel” = “montagna” (Rohlfs);

Mamone, “maymun” = “fortunato” (Pellegrini);

Mandalà “mann allah” = “favore di Dio”; contestato da Rohlfs, il quale propone un etimo greco; [cfr. variante Mannaia a Palermo e Catania] (Pellegrini);

Marraffa, cognome diffuso in RC (Rohlfs) “mu’arraf ‘ = “addotrinato, ammaestrato” (Pellegrini);

Marrapodi, cognome diffuso in RC (Rohlfs), “marbut” = “eremita, marabutto” (Pellegrini);

Miseferi, forse variante di Modafferi (Pellegrini);

Modafferi, cognome diffuso in RC (Rohlfs) “muzaffar” = “vittorioso”; secondo un ipotesi di Pensabene, il cognome deriverebbe invece dal latino “modus” + “fero” = “portatore di equilibrio, uomo equilibrato” (Pensabene, 1987);

Morabito, cognome diffuso in Calabria e Sicilia, “murabit” = “eremita” (Pellegrini); [cfr. siciliano “muràbitu” = “astemio”, spagnolo “moràbito” = “eremita musulmano, almoravide (membro della dinastia araba di Spagna)”];

Mule, Mole, cognome diffuso in RC e in Sicilia, “mawla” = “padrone” (Pellegrini);

Nàccari, cognome diffuso in RC, CZ e in Sicilia “naqir” = “irato” (Rohlfs);

Nàimo, Nàymo, Nàimi, cognome diffuso in RC, CZ e in Sicilia; particolarmente presente in Gioiosa e Marina di Gioiosa Ionica “na”im” = “delicato” (Rohlfs), “addormentato, dormiente”

(Traini);

Nàsari, cognome diffuso in CZ (Rohlfs) “nasir”” = “chi dà la vittoria; chi aiuta, soccorritore; difensore, protettore” (Traini); [cfr. Nasser cognome in Sicilia ed Egitto (Rohlfs)];

Nesci, cognome diffuso in RC e CZ (Rohlfs) “nasi”” = “giovane, ragazzo, adolescente” (Traini);

Raise, cognome diffuso in CZ (Rohlfs) “ra”is” = “capo”;

Rauti, cognome in Calabria < probabilmente dall’arabo; secondo Rohlfs può essere collegato al cognome Raouti in Algeria;

Rechici, Richici, cognome diffuso in RC (Rohlfs) “raqiq” = “schiavo” (Caracausi) e non “riqaq”, come Rohlfs sostiene;

Sacca, Saccaro, cognome diffuso in RC, CZ, CS e in Sicilia (Rohlfs) “saqqa”” = “portatore d’acqua; acquaiolo” (Traini); “giving to drink; one who gives to drink, water-carrier” (Lane);

Sciortino, cognome diffuso in Calabria e Sicilia, “surti”” = “poliziotto” (Pellgrini);

Sensales, cognome diffuso in CZ e in Sicilia (Rohlfs) “simsar” = “sensale, mediatore; agente (di cambio, di borsa); commissionario” (Traini);

Sirianni, cognome diffuso in Calabria (Pellegrini) “suryani, siryani” = “siriaco” (Traini);

Tafuri, Tafuro, cognome diffuso in RC, CS e in Sicilia (Rohlfs) < probabilmente da un nome di mestiere “tayfuri” [cfr. anche voce la siculo araba ‘ali at-tafuri (notare il passaggio -ay- > a)] (Caracausi);

Vadalà, cognome diffuso in RC, CZ e in Sicilia (Rohlfs), “‘abd allah” = “servo di Dio” (Traini);

Zuccalà, cognome specialmente diffuso a Reggio Calabria, “dawq allah” > “dùq allah” = “il gusto, piacere, gioia di Dio”; Rohlfs riporta un etimo greco “Tsukalàs” = “pentolaio”, tra l’altro cognome

diffuso in Grecia (Pellegrini).

Da STORIA DEGLI ARANI IN CALABRIA, di A.M. Loiacono – Città del Sole

FOTO: Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close