PARMARIJE – U testamento ru ciucciu

Mio padre, ch’era contadino, aveva, come tanti, premure particolari per l’asino. Lo sapeva risorsa: lo portava in campagna, gli trasportava il raccolto, d’inverno portava a casa la legna per il camino… Era una femmina, le aveva dato nome Gilda. Era mansueta e docile.

In questo racconto popolare, il contadino si toglie qualche sassolino dalle scarpe. L’asino si presta per pungere alcuni e sfottere altri, compreso u patruno: fa testamento

….

‘Na vota c’era nu ciucciu. Vicchio e chjino ri chiaghe, caminaviri a forza. Ra giuvinu j’era stato ‘nu cantaturu. Lu patrunu lu caricava senza cumpassiuna. Ma jiddo mai ‘na parola. Fatica abbogghja e mangià pagghja.

Cu l’anni avija persa a vuci e li forze. Ogni tanto si sgunucchiava e lu patrunu, pi suvirchio, ni passava vitticati.

Sintenno a morte vicina, pi nu lassà scuntento nisciuno, ficia testamento.

Lassu la capu  a lu baruni,

Ca ci si fa nu lampiuni.

Lassu ‘u pilu a la zi’ monica,

Ci si cusa ‘na bella tunica.

La stracqua e lu pitturale

Si li pigghja lu ginirale

A li fimmini malandrine

Lassu a fratima cu li nastrini.

Lassu l’ugni  a li fumaturi,

Pi ci fari tabbacchere,

Li ricchji a li ‘mbriacuni,

Ca ci ‘mbirettanu lu vinu;

Lassu ‘a mmerda a li scarpari

Ca ni serve pi ‘ngrassari,

La capizza e lu varduni,

Ni li lassu a lu patruni.

Lassu tutto lu gangale

Alla mugghjera ru spiziale.

A lu privutu ca vesta scura

Lassu tutta quanta la cura.

Lu miruddu bello granno

Ragu nu picchi a tutti quanti

Quisto j’è lu testamento

 Pi vi fari tutti cuntenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close