PER GIOVANNI

È passato un po’ di tempo, da quando Giovanni Calvano ci ha lasciati. Mi piace ricordarlo.

Persona di grande signorilità, mi legavano a lui rapporti di amicizia. Spesso, alle panchine della rimembranza, ci siamo fermati a discutere. Con lui i discorsi non erano mai banali. Da giovane aveva imparato a suonare la tromba; aveva fatto parte anche della banda del paese. Amava la musica e l’ascoltava spesso alla radio. L’America Latina è stata la sua seconda patria.

Che la terra gli sia lieve!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close