SCONGIURO – Per avere fortuna

La precarietà è stata sempre la triste compagna del contadino. Per garantirsi da eventi funesti, si affidava a pratiche magiche. Con questo scongiuro cercava di rendersi amica la buona sorte. Andava fatto il primo giorno di ogni mese, prima del canto del gallo.

.

Luna Luna chi sai la via,

porta a furtuna alla casa mmia.

Luna Luna chi bai ri notte,

Teni luntana la mala sciorte.

Veni ogn’ura veni ogni misi

Ghinghi la cascia ri li turnisi.

Li mali lingua nun l’ascutari

Veni tranquilla, nu mi fa sckantari.

Tre gaddi hanu cantatu,

Tre briganti su scappati.

Lu Signuru s’è javuzato

E la Maronna m’ar’ascutato.

.

Alla fine, segnandosi con la croce, bisognava recitare paternostri, avemarie e gloriapatri. Un sogno, con l’apparizione della Fortuna, avrebbe garantito la buona sorte. In caso contrario, bisognava armarsi di pazienza e ripetere lo scongiuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close