Orsomarso ed il suo dialetto: VARDA, PITTURALE, STRACQUA, VRACA, CAPIZZA

VARDA basto per le bestie da soma. Dall’arabo “barda’a” =  sella, basto (Rohlfs)

Per tenere ferma la varda sull’asino gli altri finimenti sono:

U pitturale = il pettorale, per evitare che nelle salite il basto scivoli indietro, verso la coda.

A stracqua = il sottopancia, che tiene fermo il basto e ne impedisce il ribaltamento per rotazione laterale.

A vraca = la braga, che impedisce al basto di scivolare verso il collo dell’asino nelle discese.

A capizza = la cavezza. La  cavezza era collegata alla testiera:  costituite da un insieme di cinghie che abbracciano la testa dell’asino e che sono utilizzate per condurre l’animale o comunque per controllarlo.

.

L’asino è stato (ed è) risorsa per il contadino. C’era un legame particolare che li univa. Questa canzone, che per anni ha accompagnato tante feste paesane, ne è una testimonianza.

.

 La canzone ru ciuccio

.

Ciangitilu ciangitilu

ch’è mortu u ciucciu miu

cussì ha vulutu Ddiu

e chi ‘nciavimu a ffà

 .

[Ritornello:]

Cu ragghiu chi faciva

pariva nu tenori

ciucciu bellu di stu cori

comu ti pozzu amà

.

Quandu ragghiava faciva

“Ia ia ia,”

ciucciu bellu di stu cori

comu ti pozzu amà

 .

Avia nu sceccareddhu

ch’era na cosa fina

si la facia ragghiandu

da sira a la matina

 .

[Ritornello]

.

Quandu m’è morta moglima

non ‘ndeppi dispiaciri

senza suspiri e lacrimi

le ietti a sutterrari

 .

Mò chi m’è mortu u ciucciu

ciangiu cu gran duluri

ciucciu bellu di stu cori

comu ti pozzu amà

 .

Quandu ragghiava faciva

“Ia, ia, ia,”

ciucciu bellu di stu cori

comu ti pozzu amà

 .

Nu iornu immu a spassu

‘nci misi a brigghia d’oru

e ammenzu a ddhi signori

si misi poi a ragghià

.

[Ritornello]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close