STORIE CALABRESI – M’hai sentito, Maria?

Questa storia, presa dalla “Guida alla Calabria misteriosa” di G. Palange, viene da Cirò

.

Chi ha da invocare la soluzione d’un qualsiasi problema, va di notte alla chiesa della Madonna delle Grazie, che è fuori l’abitato, bussa forte al portone della stessa per richiamare l’attenzione della Vergine e le grida:

«Maria, Maria

Bona nova portu a tia:

tuo figlio è resuscitatu

io vogliu èssari pagatu»”;

quindi esprime, sempre gridando, la sua specifica richiesta, fa nuovamente un gran casino bussando con mani, piedi, pietre, bastoni, etc., e, infine, tende l’orecchio per cogliere voci o rumori provenienti dall’interno della chiesa e da cui possa dedurre che Maria ha sentito tutto e, riconoscente perché le è stata portata la bella notizia che il figlio è resuscitato, si sdebita facendogli la grazia richiesta.

Se all’interno del tempio tutto continua a tacere, il postulante ripete la formula, la richiesta e il casino, finché delle due una: o la Vergine, per non farsi più rompere l’anima da altri rumori molesti, si decide a dare un segno della propria disponibilità, o il postulante si fa persuaso che, per quella volta, la notizia della resurrezione del Figlio entra da un orecchio della Madonna per uscirle dall’altro, e rinunzia, magari col proposito d’andarsi a cercare qualche altro santo in paradiso.

.

FONTE: GUIDA ALLA CALABRIA MISTERIOSA, di G. Palange – Rubbettino

FOTO: Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close