IL MATRIMONIO NELL’ANTICA GRECIA

Il matrimonio nell’antica Grecia serviva ad incoraggiare l’assunzione delle proprie responsabilità nei rapporti personali. I matrimoni erano di solito organizzati dai genitori e i procacciatori di matrimonio professionisti venivano utilizzati a malincuore. Ogni città era politicamente indipendente, con proprie leggi che riguardavano il matrimonio. Le ragazze orfane venivano affidate a uno zio o a un cugino. Perché il matrimonio fosse legale, il padre o il tutore della donna doveva concedere il permesso, ad un maschio adatto, di sposare la propria figlia o pupilla. I matrimoni venivano celebrati prevalentemente nei mesi invernali. La coppia partecipava ad una cerimonia che comprendeva rituali come la rimozione del velo, ma la coppia che viveva insieme rendeva il matrimonio legale.[…]

La celebrazione del matrimonio nell’antica Grecia consisteva in una cerimonia in tre parti, della durava di tre giorni: il proaulia, che era la cerimonia di pre-matrimonio, il gamos, che era il matrimonio vero e proprio, e la epaulia, che era la cerimonia eseguita dopo le nozze.

Proaulia

La proaulia era il momento in cui la sposa passava gli ultimi giorni con la madre, le parenti di sesso femminile e le amiche, preparandosi per il matrimonio. Di solito era una festa tenuta a casa del padre della sposa. Durante questa cerimonia, la sposa avrebbe fatto diverse offerte, invocando il proteleia, dagli dei come Artemide e Afrodite. “Alcuni giocattoli venivano dedicati ad Artemide dalle ragazze adolescenti prima del matrimonio, come preludio a trovare un marito e ad avere figli. Più significativo, come rito di passaggio prima del matrimonio, era il rituale del taglio e della donazione di una ciocca di capelli.” Questa offerta significava la separazione della sposa dall’infanzia e una iniziazione all’età adulta. Essa inoltre stabiliva un legame tra la sposa e gli dèi, che dovevano fornirle una protezione durante questa transizione.

Vaso di ceramica greca con illustrazione di preparativi per l’abbigliamento di una sposa.

Gamos

Il gamos era il giorno del matrimonio, ed era costituito da una serie di cerimonie che riguardavano il trasferimento della sposa dalla casa di suo padre a quella del suo nuovo marito. I rituali del giorno avevano inizio con un lavacro di nozze della sposa. Questo bagno simboleggiava la purificazione e la fertilità. Gli sposi facevano poi delle offerte presso il tempio al fine di garantirsi una vita futura proficua. Alla festa di nozze partecipavano entrambe le famiglie. Tuttavia, gli uomini e le donne erano seduti a tavoli diversi. Il rito più importante del giorno delle nozze era il anakalupteria, che era la rimozione del velo della sposa. Questo significava il completamento del trasferimento alla famiglia del marito.

Cerimonia del matrimonio

Un gamos, o cerimonia di matrimonio iniziava con un sacrificio, proteleia, (prematrimoniale), agli dei per benedire i due sposi nel matrimonio. Poi la futura moglie si tagliava i capelli a significare la sua precedente verginità. I due facevano poi un bagno cerimoniale in acqua santa, noto come loutra. L’acqua veniva versata da un loutrophoros. Loutrophoroi più piccoli dovevano forse poi essere donati agli dei per benedire il matrimonio. Dopo la loutra veniva preparata una festa in casa della sposa e le donne dovevano sedersi e attendere che gli uomini avessero finito il loro banchetto. Questa usanza degli uomini che mangiano prima delle donne, era la stessa che regolava gli altri pasti oltre che il banchetto di nozze. Le donne erano autorizzate a controllare la conversazione, e poi era loro permesso di cenare con gli uomini.

La donna consacrava il matrimonio trasferendosi nell’abitazione dello sposo. Una volta che la donna aveva fatto un passo in casa del sunoikein, veniva legalizzato il loro ‘vivere insieme’ engysis che il pretendente aveva fatto al kyrios. Il marito aveva ricevuto la dote dal padre della moglie. Spesso le famiglie non avevano alcuna proprietà da dare allo sposo, e in questi casi il padre o il kyrios forniva una dote in denaro, che era importante per la coppia.

Epaulia

La epaulia era simile a una doccia per la sposa e lo sposo. Gli sposi, ricevuti la maggior parte dei doni, si preparavano al loro viaggio come marito e moglie.

FONTE: wikipedia.org

FOTO: Rete

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close