Io vulesse truvà pace

.

Io vulesse truvà pace;

ma na pace senza morte.

Una, mmiez’a tanta porte,

s’arapesse pé campà!

.

S’arapesse na matina,

na matin’ ‘e primmavera,

e arrivasse fin’ ‘a sera

senza dì: «nzerràte llà!»

.

Senza sentere cchiù a ggente

ca te dice: «io faccio…, io dico»,

senza sentere l’amico

ca te vene a cunziglià.

.

Senza senter’ ‘a famiglia

ca te dice: «Ma ch’ ‘e fatto?»

Senza scennere cchiù a patto

c’ ‘a cuscienza e ‘a dignità.

.

Senza leggere ‘o giurnale…

‘a nutizia impressionante,

ch’ è nu guaio pé tutte quante

e nun tiene che ce fà.

.

Senza sentere ‘o duttore

ca te spiega a malatia…

‘a ricetta in farmacia…

l’onorario ch’ ‘e ‘a pavà.

.

Senza sentere stu core

ca te parla ‘e Cuncettina,

Nina, Brigida, Nannina…

Chesta sì… Chell’ata no.

.

Pecché, insomma, si vuò pace

e nun sentere cchiù niente,

‘e ‘a sperà ca sulamente

ven’ ‘a morte a te piglià?

.

Io vulesse truvà pace

ma na pace senza morte.

Una, mmiez’ a tanta porte

s’arapesse pé campà!

.

S’arapesse na matina,

na matina ‘e primmavera…

E arrivasse fin’ ‘a sera

senza dì: «nzerràte llà!»

.

Eduardo De Filippo

[1948]

Da Le poesie di Eduardo, Einaudi

Foto: Rete

Suggerita dal prof. Vincenzo Bloise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close