FILASTROCCA – A Notte ri Natale

.

A Notte ri Natale

J’è ‘na festa principale.

.

J’è nato Nostru Signuru

‘Nta ‘na povira mangiatura.

.

Lu vuju e l’asinello,

San Giseppi lu vecchiarello.

.

San Giseppi nun t’addurmì,

Ca Maria ha da parturì.

.

Ha da fa nu Bambinello

Che si chiama Gesù Bello.

.

L’hana mitti supra l’autari

E tutti l’angiuli a cantari.

.

A cantari cu bona vuci

Oh Maria, quantu sì duci!

.

Si duci e ‘nzuccarata,

Oh Maria, la Maculata!

.

Lu cappiddu ti carija,

Lu bastuni ti hjuria.

.

Viri, viri comi s’è miso,

Comi ‘na scocca ri Paraviso.

.

‘N Paraviso ci su li rose

Cu ci va ci si riposa.

.

Allu ’nfirnu li malagenti.

Cu ci va si ni penta.

.

E chi serva ssu pintì?

Sì trasutu e nun poi jissì!

.

Una simpatica vecchietta ha riportato alla coscienza questa filastrocca.  L’ho sentita tante volte dalla voce di mia madre. Nel tempo natalizio, vicino al focolare, la ripeteva spesso, perché sapeva che mi piaceva; come mi piacevano tante altre storie che lei conosceva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close