U sgumintu

ORSOMARSO – Chianitto, di Lissy Schmidt

Quanti pruggitti, quanti spiranze

e quanti voti, a dormi a menza panza!

J vogghju cangia vita e mamma chiangia

e pi circà fortuna, sungu a Francia.

A cosa chiù brutta jè quasi sempre a sira

quannu ‘ncapu ti venanu i pinziri

ri mamma e tata e puru ra campagna

tanta tristizza, stancu e ca papagna.

E pensu i casi vecchie, guna ‘ncapu a nata,

e a rininedda sutta i ciramili,

e a seggia vecchia chi si trucculia

p’avì annacatu tutti i frati mia.

Na gatta a strisci, a guardia suttu u muru

nu canu abbaia, passa nu criaturu

e ‘nnant a porta, a nonna assittata,

cu pittini ‘ mmanu, u piccininnu a scaratu.

E  ‘a ‘natu scalunu, cumpa Salivaturu,

chi alla quatrara ni fa l’ucchiatura

zafia e chiangia, cuntinua u stessu…

rona a sintenzia (e ucchiatura vecchia).

E quissi su li ricordi e a luntananza!

A vita nun è a stessa ri na vota,

amu giratu u munnu e scupertu a luna,

mo stagu chiù migghju stagu chiù bunu.

Mo tengu angunu francu

e nun mi manca nenti,

ma sempre nu pinziru mi turmenta

ri sta luntanu r’amici e da i parenti

 …

DI ANGELO CONSOLE

Da “Lo specchio della vita”, di Angelo Console, Brignoli Edizioni

3 Replies to “U sgumintu”

  1. Emilio Leone ha detto:

    Complimenti ad Angelo, perchè è riuscito a interpretare i sentimenti di chi vive lontano da Orsomarso per vari motivi. Un cordiale saluto ad Angelo e a Cosma, che ci rende questo servizio di collegamento, cosi caro a tutti gli Orsomarsesi che vivono lontani.
    Emilio Leone.

  2. Angelo Console ha detto:

    entrare nei cuori di tanti * mi allegra il mio *

    Angelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close