Orsomarso Bluesorsomarsoblues1@tiscali.it

U farchetto, ovvero IL GHEPPIO

 

Il gheppio (Falco tinnunculus) è un rapace diurno, appartiene all’Ordine dei Falconiformi, Famiglia Falconidae. Nel nostro paese è prevalentemente SEDENTARIO e NIDIFICANTE, alcuni esemplari presenti in Italia sono svernanti e migratori.

Piumaggio

I gheppi mostrano più che altre specie un acceso dimorfismo sessuale. La caratteristica più notevole è che i maschi hanno la testa di colore grigio chiaro, le femmine invece sono uniformemente di colore rosso mattone. I maschi hanno le ali di colore rossastro e sono caratterizzati da alcune macchie scure a volte dalla forma di asterisco.

Il fondoschiena e la coda – il cosiddetto fascio – è di colore completamente grigio chiaro con un trattino nero finale e una bordatura bianca. La parte inferiore è di color crema chiaro con strisce o macchie marroncine. La parte inferiore del ventre è invece totalmente bianca.

La femmina adulta è bordata di scuro nella schiena. A differenza del maschio anche il fascio è marrone e mostra inoltre diverse strisce laterali e un determinato legame finale. Anche la parte inferiore è più scura che nel maschio e mostra una pezzatura più forte. I piccoli assomigliano nel piumaggio alle femmine. Tuttavia le loro ali sembrano più rotonde e più corte che nei gheppi adulti. Inoltre le punte delle loro aperture alari mostrano margini più chiari.

Pelle cerata e anello attorno all’occhio, che sono gialli negli uccelli adulti, negli uccelli giovani vanno dall’azzurro al verde giallastro.

In entrambi i sessi la coda è arrotondata poiché le penne della coda sono più corte di quelle mediane. Negli uccelli adulti le punte delle ali raggiungono la fine della coda. Le gambe sono giallo chiare, gli artigli sono neri.

Corporatura

Come tutti i falconiformi, il gheppio è dotato di 15 vertebre nel collo che gli permettono di girare il capo di 180° e di osservare appollaiati su un albero una preda fino a 220 gradi senza doversi muovere.

La corporatura dei gheppi (lunghezza e apertura alare) varia a seconda della sottospecie e del sesso. Nella sottospecie presente in Europa (Falco tinnunculus tinnunculus) i maschi hanno un’apertura alare di 74 cm, le femmine di 78.

Il peso degli individui varia parecchio a seconda del sesso. Normalmente un gheppio maschio pesa sui 200 grammi, una femmina 20 grammi in più. Il peso delle femmine varia a seconda del periodo: nel periodo di deposizione delle uova arrivano a pesare anche 300 grammi. Le femmine più pesanti sono normalmente più fortunate nella cura dei piccoli nel nido.

Aspetto in volo

Il gheppio è caratterizzato da un volo particolare.

Anche i neofiti sono in grado di riconoscere il tipico volo del gheppio. A differenza di altri rapaci, sbatte le ali frequentemente, ma la caratteristica più evidente è il cosiddetto volo a “Spirito Santo”, durante il quale si mantiene totalmente fermo in aria, con piccoli battiti delle ali e tenendo la coda aperta a ventaglio, sfruttando il vento per mantenersi stabile e osservare il suolo in cerca di prede.

Identificazione

Rapace di dimensioni medio-piccole, il falco più diffuso e facile da osservare. Snello, con ali e coda lunghe e strette. Testa corta e piccola, rotonda. Il maschio ha la testa e la coda di colore grigio-ceruleo, con fascia terminale della coda nera, sopra di colore rossiccio picchiettato di nero, sotto color crema chiaro striato o macchiettato di scuro. La femmina è completamente di colore rossiccio sopra con densa barratura scura, sotto color nocciola o crema chiaro striato o macchiettato di scuro. Entrambi hanno la parte superiore dell’ala un contrasto tra la parte più interna chiara e la parte più esterna scura.

Distribuzione

In Italia il gheppio è presente in tutte le regioni, incluse le isola maggiori e alcune minori.

Habitat

specie molto adattabile e vive negli ambienti più diversificati, in tutte le esposizioni, in pianura e in montagna, in luoghi coltivati e incolti, umidi e secchi, appartati o frequentati, inclusi i centri abitati, anche urbani. Scarseggia in boschi estesi e tra le monocolture intensive.

 Riproduzione

Nelle popolazioni sedentarie le coppie sono fedeli per tutta la vita. I soggetti migratori cambiano invece spesso compagno, anche se sono state osservate delle coppie in migrazione. Il gheppio non costruisce il nido, ma occupa quello di un altro uccello, oppure depone sulla cornice di una roccia o in un buco di una costruzione (muri, muraglie, ponti, cabine, campanili, torri, castelli in rovina, silos, officine, ponti, grani, cascinali, fienili, capannoni, edifici, casolari, baracche), sui piloni di alta tensione, in nidi artificiali o in grossi buchi di alberi. Può capitare che deponga anche a terra. Le uova vengono deposte nel sito spoglio, raramente ricoperto con frammenti di varia natura. Le uova (3-6) vengono deposte dai primi di aprile a metà maggio. La cova dura 27-29 giorni e viene svolta dalla femmina, in alternanza con il maschio solo per periodi molto brevi. I piccoli restano al nido per 27-32 giorni, e vengono accompagnati dai genitori per altri 30 giorni circa dopo l’involo.

Volo

Volo diretto abbastanza lento, con nervosi ed irregolari battiti alari alternati a scivolate. Fa spessissimo e per lunghi periodi lo spirito santo.

 

Fonte: http://www.alisoriano.it/aviosuperficie/gheppio.html

Foto RETE

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie