FEDRO – Le due cagne

Celano insidie le moine di una persona cattiva: ad evitarle ci esortano i versi seguenti.

Una cagna sul punto di sgravarsi chiedeva a un’altra il permesso di deporre la cucciolata nel suo tugurio; lo ottenne di buon grado: poi, rivolendo quella la cuccia, la supplicò e ottenne una breve dilazione finchè potesse guidare i cagnolini più saldi sulle zampe. Trascorso anche questo tempo, la compagna cominciò a chiedere con più insistenza il suo giaciglio.

“Se riuscirai a tener testa a me e alla mia banda, me ne andrò via”.

Fedro, I, 19.

FOTO: RETE

Lascia un commento se ti è piaciuto l'articolo

Archivi

Categorie