DOPO LA LIBERAZIONE

.

Ieri abbiamo celebrato la giornata della liberazione dalla dittatura fascista. Molto bella è stata la manifestazione di Orsomarso: il gonfalone del Comune, il Sindaco, i ragazzi delle scuole e molti cittadini. Toccanti le parole dei ragazzi e quelle del Sindaco. Perchè la libertà “è come un bambino, ha bisogno di cure e protezione per crescere sana”.

Nell’immediato dopoguerra la vita politica era molto sentita. La libertà ritrovata, la necessità di dover ricostruire tutto sulle macerie morali e fisiche lasciate dal ventennio fascista, la presenza dei due blocchi, quello capitalista e quello comunista, rendevno la lotta politica intensa e partecipata. Anche la Chiesa entrava in questa lotta, perchè “c’era da combattere il comunismo ateo”, diceva.

La propaganda avveniva soprattutto attraverso i comizi e le prediche in chiesa. I comizi erano momenti elettrizzanti: la piazza si riempiva e sottolineava con applausi scroscianti ed urla i passaggi più sentiti del discorso.

E poi c’erano i metodi subdoli, grazie anche agli “attivisti” che arrivavano da fuori: una scarpa prima ed una dopo le elezioni, la diecimila lire divisa a metà, le chiamate ai Cantieri di lavoro fatte in base a legami di appartenenza anche politica, la distribuzione di prodotti alimentari tramite la parrocchia o l’Economic Cooperation Administration (ECA), l’ufficio preposto alla collocazione degli aiuti del Piano Marshall.

Questa foto mostra un Consiglio comunale dell’immediato dopoguerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close