UN UFFICIALE TIBETANO, MEMBRO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE, RACCONTA IN UN LIBRO QUELLO CHE ACCADE IN TIBET. ED E’ MOLTO PIU’ DISASTROSO DI TUTTO QUELLO CHE FINO AD ORA ABBIAMO SAPUTO.

Un alto funzionario del Partito comunista, ha scritto un libro per esporre i crimini dei cinesi contro i tibetani. I suoi colleghi di partito ancora non sospettano che abbia disertato per l’opposizione.

Un tibetano che una volta ha creduto nel Partito comunista cinese e ha costruito una carriera all’interno della burocrazia Beijing ha ora deciso di pubblicare un rapporto di condanna delle politiche della Cina nel suo paese. Per proteggere il suo anonimato, l’ufficiale, che è conosciuto a livello nazionale, si è incontrato segretamente con SPIEGEL in un ristorante in una città di provincia cinese. Spera che ciò che ha scritto circa l’oppressione del suo popolo sarà pubblicato come un libro, in Occidente, che ha esercitato una pressione sui leader a Pechino.

Dorjee Rinchen si alzò molto presto il 23 ottobre 2012, l’ultimo giorno della sua vita. Il 58enne girò le ruote della preghiera buddista presso il Monastero Labrang, poi tornò alla sua capanna, si ripulì e tornò al monastero.

Vicino alla stazione di polizia sulla strada principale di Xiahe, una città in Cina nella provincia del Gansu, il contadino tibetano cosparse di benzina il suo corpo e si diede fuoco. Le immagini scattate con i telefoni cellulari mostrano l’uomo, avvolto dalle fiamme, che corre per la strada fino a quando non cade a terra.
Polizia e soldati subito sono apparsi sulla scena, spingendo gli astanti che cercano di portare il corpo carbonizzato di Dorjee a casa sua, secondo l’uso tibetano. Gli ufficiali alla fine cedono.

Dorjee è uno dei più di 100 tibetani che si sono rivolti al’auto-immolazione da marzo 2011 per protestare contro il dominio cinese in Tibet. Un altro uomo, che si è anche tolto la vita pochi giorni dopo, ha lasciato una lettera che riassume i sentimenti di queste persone sfortunate: “Non c’è libertà in Tibet, a Sua Santità il Dalai Lama non è permesso di tornare a casa. Il Panchen Lama.. è in carcere “.

L’umore è disperato nella regione conosciuta come il “Tetto del Mondo”. Mai prima d’ora così tanti tibetani hanno sacrificato la loro vita in questo modo per attirare l’attenzione del mondo al loro destino. Ma non tutti credono che questo è l’approccio giusto. A poche centinaia di chilometri dal monastero di Labrang, un alto funzionario del Partito Comunista scuote la testa in segno di disapprovazione. Le auto-immolazioni, dice, sono una “reazione eccessiva, un atto eccessivamente radicale. Il Buddismo vieta il suicidio.”

La Cina ed il Tibet

Eppure lui può capire le motivazioni, dice. Le condizioni sono drammatiche nel suo nativo Tibet. “La situazione economica, il tenore di vita, la cultura e l’istruzione sono notevolmente migliorati in Tibet”, dice. Ma il governo esige un prezzo troppo alto dai tibetani in cambio di questo sviluppo, aggiunge, sottolineando che Pechino sta cercando di disciplinare con violenza. “C’è sorveglianza sostanziale e libertà limitata”.

L’uomo è un alto funzionario del Partito comunista. Egli è ben noto, non solo in Tibet ma anche in tutta la Cina , e nessuno lo sospetta di essere un membro dell’opposizione. Egli è uno dei privilegiati, qualcuno che a lungo ha creduto nella meta promessa di una Cina socialista, in cui non solo i cinesi Han, ma anche i tibetani e tutti gli altri gruppi etnici avrebbero potuto condurre una vita migliore.

Ma ora ha intenzione di prendere posizione. “Io sono un tibetano, e io lavoro nel governo. Ho l’autorità per descrivere ciò che sta realmente accadendo,” dice.

‘Molto peggio di ciò che l’Occidente sospetta’

Torce umane per difendere la libertà del Tibet

Ha servito il governo cinese fin dalla gioventù. Come molti tibetani, era uno di quelli che vengono a patti con il fatto che Pechino ha dominato il loro paese da quando l’esercito cinese lo invase nel 1950. Questi individui sono funzionari di partito, funzionari di polizia, propagandisti, giornalisti e ingegneri, i quali si comportano come persone che vogliono vivere in pace sotto il dominio straniero. Essi assimilano a pappagallo gli slogan di partito e godono del loro crescente benessere, anche se spesso si sentono infelici, alla fine.

Questo aiuta a spiegare perché questo testimone contemporaneo si è seduto e ha scritto un resoconto della più recente storia del Tibet, come l’ha vista attraverso i suoi occhi. Egli si concentra su ciò che i propagandisti e cronisti che lavorano per il sistema sopprimono o addolciscono, scrivendo: “Tutto è stato ed è tuttora di gran lunga peggiore di quanto la gente in Occidente sospetta.”

Lui è determinato a mantenere l’anonimato il più a lungo possibile. “Io non voglio citare il mio nome, io non voglio che tu parli della mia professione, e puoi solo descrivere il luogo dove abito, in termini generali,” dice.

Egli mira ad avere il libro pubblicato all’estero, che è la sua unica opzione, naturalmente. Se emergesse che lui, un funzionario rispettato, era in realtà un dissidente tibetano che confronta la “sorte dei tibetani” con quella degli ebrei sotto il nazismo, la sua comoda esistenza sarebbe presto giunta al termine. Potrebbe affrontare un periodo di reclusione e forse anche la pena di morte.

Il libro è scritto in mandarino, la lingua dei governanti di Pechino. L’autore vuole che quante più persone possibile comprendano il suo popolo, che, come dice lui, è stato “immerso in pozze di sangue e di fuoco del purgatorio” in cambio di una utopia straniera.

Ironia della sorte, alcuni tibetani sono stati inizialmente contenti di vedere i cinesi che hanno invaso il Tibet, perché i nuovi padroni hanno portato la promessa di modernità e di prosperità. Essi credevano che i comunisti, guidati da Mao Zedong,li avrebbero aiutati a liberarsi da una brutale dittatura di monaci. Il popolo tibetano ha vissuto una vita dura sotto il pollice di monasteri e dell’aristocrazia, che hanno oppresso i loro sudditi, li hanno trattati come servi della gleba e costretti alla sottomissione.

Ma l’umore è cambiato da quando il governo cinese, sotto Mao, non ha mantenuto la sua promessa di permettere ai tibetani di mantenere le proprie tradizioni e la religione. La collettivizzazione dell’agricoltura ha dimostrato di essere particolarmente devastante. I nomadi tibetani sono stati costretti a stabilirsi nei cosiddetti comuni popolari, distruggendo il loro stile di vita tradizionale. Dal 1950, ci fu crescente inquietudine.

Atrocità e Politiche Brutali

Monaci che lottano assieme al popolo tibetano

Nella Grande Rivoluzione Culturale Proletaria (1966-1976), le guardie rosse, tra cui molti tibetani, hanno attaccato i loro connazionali presumibilmente “revisionisti” e “imperialisti”. Migliaia di monaci sono stati picchiati a morte o rinchiusi in campi, e antiche reliquie sono state distrutte. Le Guardie rosse hanno usato la loro artiglieria per appiattire centinaia di monasteri.

I funzionari del partito comunista volevano distruggere la cultura dei loro sudditi. Alle donne tibetane, per esempio, sono stati fatti indossare i tipi di pantaloni indossati dalle donne cinesi Han, e gli aiutanti hanno tagliato le loro trecce. Clan di anziani e abati furono mandati in campi di rieducazione, dove sono stati costretti a studiare le direttive di Mao ogni giorno.

L’esercito cinese brutalmente ha represso eventuali ribellioni. Quando i monaci hanno ucciso un caporale dell’Esercito di Liberazione del Popolo nel 1956, un reggimento di cavalleria cinese esigeva la sua vendetta nella città di Qiuji Nawa nella provincia di Gansu, con un attacco a circa “200 donne e bambini innocenti. Hanno circondato una tenda, hanno gettato bombe a mano dentro e poi hanno sparato contro di essa. “

L’autore cita un ex soldato che ha assistito a un massacro simile: “Alcune donne sono state accoltellate nella vagina con le spade e i petti sono stati divisi e aperti. Alcuni bambini di due o tre anni, sono stati afferrati e gettati nel Fiume Giallo.».

Nei primi anni 1980, il partito comunista ha dovuto ammettere di aver “gravemente danneggiato gli interessi del popolo” con la sua politica brutale. Da allora, il Tibet era diventata una regione permanentemente irrequieta. Come il funzionario del Partito Comunista scrive, l’affermazione di Pechino che “milioni di agricoltori tibetani” erano diventati “padroni della propria casa, sotto la leadership del partito” ha dimostrato di essere nient’altro che propaganda.
A suo parere, ci sono molte ragioni per l’agitazione e la rabbia dei tibetani. Una è che la speranza a lungo accarezzata che il Dalai Lama potrebbe un giorno tornare a casa dall’ India, dove il governo tibetano in esilio ha la sua sede, sta cominciando a svanire. Pechino lo condanna come un “traditore” e si rifiuta di prendere in considerazione anche i colloqui.

E ‘stato un affronto per Pechino, quando, nel 1987, il Dalai Lama ha parlato ai membri del Congresso degli Stati Uniti a Washington, dove ha presentato il suo piano di pace in cinque punti. Ha chiesto, tra le altre cose, che Pechino mettesse fine alla immigrazione di cinesi Han in Tibet e il suo uso del Plateau tibetano come una discarica di scorie nucleari. Secondo il funzionario del Partito comunista, dopo la visita “un nuovo spirito di opposizione ha cominciato a crescere tra i giovani intellettuali e alcuni funzionari, così come operai, contadini e pastori.”

Poi, nel 1988, i cinesi hanno fatto un altro errore. Alla fine del Festival annuale della Grande Preghiera, alti funzionari si erano riuniti in una terrazza sul tetto del Tempio Jokhang nella capitale tibetana Lhasa a guardare la grande processione. Come è accaduto, stavano in piedi proprio sopra una stanza che i monaci consideravano sacra. Era dove il Dalai Lama aveva sempre dormito durante il festival.

Ben presto il gruppo è stato bersagliato con pietre. Soldati si fecero strada attraverso la folla, a botte, e un paio di funzionari di partito, tra cui il vice capo del partito per il Tibet, ha dovuto essere calato da una finestra su corde.

I monaci e le monache più volte scesero in piazza nelle settimane successive, fino a che Pechino, infine, pose un giro di vite. Il governo centrale ha rimosso alti funzionari del Partito comunista del Tibet e li ha sostituiti con i cinesi Han, tra cui Hu Jintao, che sarebbe poi diventato segretario generale del Partito Comunista e presidente della Cina. Un anno dopo, Hu ha ordinato ai soldati di aprire il fuoco sui manifestanti. Secondo l’autore, l’incidente ha provocato la morte di 138 persone e 3.870 arresti, mentre molti altri sono stati rapiti.

L’autore cita molti testimoni oculari, uno dei quali ha riportato: “Hanno esaminato tutta la popolazione urbana di Lhasa e arrestato coloro che non piacevano. Prima ci sono stati pestaggi, e poi quelli che erano stati arrestati sono stati gettati in celle di polizia.».

I Lama, autorità spirituale del Tibet

Ma le celle erano apparentemente così piene che alcuni dei detenuti sono soffocati. “Quando qualcuno è morto”, ha detto il testimone, “non significava più nulla per loro (i cinesi), che come se avessero calpestato l’erba mentre camminavano e ucciso una formica.”

Parte di insoddisfazione dei tibetani derivava dal fatto che gli immigrati cinesi provenienti da altre parti della Repubblica popolare stavano coltivando sempre più terra. A parere dell’autore, questo provoca gravi danni ambientali, perché la graduale scomparsa delle praterie porta alla desertificazione. “I tibetani hanno sempre meno spazio in cui vivere, e l’ambiente è sempre più freddo e più grave,” dice.

Un esempio lampante di politica ambientale sconsiderata della Cina è Qinghai Lake, il funzionario aggiunge. Perché troppo pascolo è stato coltivato e un ampio sistema di irrigazione è stato costruito,, ci sono solo otto dei 108 fiumi che, una volta svuotati nel lago, esistono ancora oggi, dice.

La tensione per le strade

Le cose erano tranquille per qualche anno dopo i disordini, che durarono fino al 1989. Il leader del Partito comunista Hu poi ha tentato di placare i tibetani con miliardi di dollari di investimenti. Le risorse minerarie che erano state scoperte nella regione, così come la sua importanza strategica, come una zona cuscinetto tra la Cina e il suo rivale economicamente potente dell’India, erano estremamente importanti per Pechino.

Ma la tensione è palpabile nelle strade di Lhasa oggi, anche a causa della presenza di forze di sicurezza cinesi, che si comportano come occupanti. “Il modo in cui i membri della Polizia Armata si comportano è tutt’altro che umano. Uccidono le persone a sangue freddo come serpenti velenosi. Essi indiscriminatamente battono i residenti locali, saccheggiano le loro proprietà e li uccidono se si difendono,” il membro del Partito Comunista r scrive nel suo manoscritto.

Nel marzo 2008, mentre Pechino si stava preparando per le Olimpiadi di estate, i residenti di Lhasa si ribellarono nuovamente. Ma questa volta scolari, studenti e impiegati si unirono ai monaci che protestavano, come fecero i tibetani provenienti da altre regioni. La polizia e l’esercito hanno arrestato circa 6.000 persone.

Le autorità ora vedono solo un modo per pacificare i tibetani: più investimenti, insieme a misure di repressione ancora più dure. Durante la cosiddetta campagna di educazione patriottica, che si svolge in tutti i monasteri, i monaci sono tenuti a prendere le distanze dal Dalai Lama. Molti sono stati temporaneamente o permanentemente vietati ai monasteri, e alcuni lama furono imprigionati o mandati nei campi di rieducazione. Presunti sostenitori di persone che si sono suicidate per auto-immolazione sono stati mandati in prigione, tra cui sei persone legate a Dorjee Rinchen, il contadino di Xiahe.

I governanti di Pechino non consentono un dibattito pubblico sulla loro strategia in Tibet. Anche molto pochi cinesi osano sollevare la questione, e quindi solo a Hong Kong o attraverso le organizzazioni dei media stranieri. L’autore Wang Lixiong, sposato alla paroliera tibetana Tsering Woeser , è uno dei pochi coraggiosi. Egli ritiene che non cambierà nulla finché l’ostilità verso il Dalai Lama si traduce nella sopravvivenza di decine di migliaia di funzionari all’interno della macchina di propaganda del partito.

L’autore del libro tibetano si esprime così: “Tutti abbiamo un nodo nel nostro cuore.” Le autorità, dice, “vedono i monaci come outsider. Essi non sono autorizzati a esprimere le proprie opinioni, e non sono certo autorizzati a partecipare alle decisioni politiche.”

C’è una soluzione al dramma del Tibet? L’autore rimane fedele alla sua educazione nel dire che sarebbe sbagliato consentire il ritorno di un governo teocratico, un Tibet in cui gli abati sono in carica e “politica e religione sono uno” – il tipo di sistema che molti monaci preferirebbero .

E l’alternativa? “Dobbiamo praticare la democrazia”, dice. “Non necessariamente una democrazia di tipo occidentale, ma un’ unica forma tibetana. Altrimenti rimarremo in un vicolo cieco.”

‘Anything But Humane’: un Tibetano espone la Cina dall’interno

Di Andreas Lorenz
Da facebook il popolo che non esiste

http://www.spiegel.de/international/world/tibetan-official-to-expose-chinese-abuses-from-the-inside-in-book-a-911405.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close