Origine dei nomi: FRANCESCO

Francesco (838.000 persone portano questo nome)

ALTERATI: Franceschino (700).

ABBREVIATI e IPOCORISTICI: Césco (150); Cécco (50), Cecchino (100), Ceccardo (50); Chécco (30), Checchino (50); Chicco (50); Chino (140); Ciccio (100), Ciccillo (50).

NOMI DOPPI: Francesco Pàolo o Francescopàolo (15.000), Francesco Savèrio

(3.000), – Antonio o Francescantònio (3.000), – Maria (650). –

FEMMINILE

Francesca (300.000).

VARIANTI: Francisca (400).

ALTERATI: Franceschina (4.500).

ABBREVIATI e IPOCORISTICI: Cecchina (200);Chicca (25).

NOMI DOPPI: Francesca Paola (4.500), Francesca Morìa (1.500).

È uno dei nomi di più alta frequenza in Italia – il 6° per rango nazionale tra i maschili e l’ll° tra i femminili – ampiamente diffuso nella forma fondamentale in tutta l’Italia e variamente distribuito nelle altre forme: Franceschino e Chicco sono accentrati in Sardegna, con i rispettivi femminili; Cesco è più compatto nelle Venezie, Chino nel Nord e in particolare nell’Emilia-Romagna; Ceccardo è proprio della Toscana e soprattutto del Carrarese.

La base lontana è l’etnico latino, tardo e medioevale, Franciscus, dal germanico “frankisk”, che indicò prima l’appartenenza al popolo germanico dei Franchi (v. Franco), poi a quello dei Francesi e in genere l’origine dalla Francia o una relazione (di lavoro, ecc.) con la Francia: con questo valore etnico fu usato come soprannome e come nome personale dalI’XI al XIII secolo. Ma dal Trecento da nome laico si trasformò in nome prevalentemente religioso, cristiano, per il prestigio e il culto sempre più diffuso di San Francesco d’Assisi (Giovanni di Pietro di Bernardone, mercante di tessuti spesso impegnato in Francia, che per questo ridenominò il figlio Francesco), patrono d’Italia, dell’Umbria e di numerosi centri, e in seguito per il culto di moltissimi santi e sante così denominati (più di 50), tra cui San Francesco di Paola (CS) eremita francescano del Quattrocento, San Francesco Caracciolo di Villa Santa Maria d’Abruzzo e San Francesco Savèrio missionario gesuita di Xavier in Navarra del Cinquecento, San Francesco di Geronimo di Grottaglie (TA) e San Francesco di Sales in Navarra del Seicento.

In particolare il  derivato in -ardo d’impronta germanica, longobardica, Ceccardo, è insorto e si è diffuso per il culto locale di San Ceccardo vescovo nel IX secolo e patrono di Luni, SP (e il nome è attualmente accentrato per i 4/5 nel Carrarese); i nomi doppi Francesco Paolo e Francesco Savèrio, accentrati nel Sud, sono in realtà unitarii e autonomi, ripresi da San Francesco di Paola e da San Francesco e da San Francesco Saverio.

Da “Nomi d’Italia” di E. De Felice

Nella foto Francesco Campagna nel 1942

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Archivio articoli
Categorie
Close