Consumiamo troppa carta e distruggiamo troppe foreste

for3

NO ALLA CARTA CHE DISTRUGGE L’AMBIENTE E LE COMUNITÀ

Un trattato internazionale per rendere più sostenibili le industrie della carta. La produzione attuale danneggia le foreste e crea conflitti solciali

 

Il consumo di carta è arrivato a livelli insostenibili. Dalla carta da ufficio, a quella per tovaglioli e salviette, fino alla carta igienica. La richiesta di polpa di cellulosa per la produzione di carta è in aumento e sta contribuendo alla distruzione di paradisi naturali, soprattutto nel Sudest asiatico, come le foreste di Sumatra, uno degli ecosistemi più importanti della Terra.
120 associazioni ambientaliste presenti sul pianeta, e coordinate dell’Environmental Paper Network (Epn), hanno sottoscritto un trattato, il Global Vision Paper, che fissa una serie di obiettivi volti a guidare l’industria della carta verso pratiche più sostenibili. Tra i risultati richiesti ci sono la riduzione dei consumi, l’aumento dell’impiego di carta riciclata, l’utilizzo di carta proveniente esclusivamente da foreste certificate, il rispetto della responsabilità sociale, la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e, infine, chiarezza e trasparenza relative alla filiera della carta verso i consumatori.
No alla carta che distrugge l'ambiente e le comunità
“Siamo orgogliosi di svelare una nuova e potente visione globale frutto di una miriade di voci, che sfida l’industria cartaria indicando pratiche più sostenibili” si legge nel comunicato. “Questo progetto verso il cambiamento indica le priorità verso la responsabilità sociale e la protezione dell’ambiente, in risposta al modello di iperconsumo mondiale di carta, con i terribili impatti sulla biodiversità, sulle foreste, sul riscaldamento globale, sulla qualità dell’aria e dell’acqua e sulle comunità locali.
L’espansione del settore della carta e della cellulosa comporta aspri conflitti sociali, l’espansione degli incendi forestali, perdita di biodiversità, massicce violazioni della legge, legate alla corruzione e a moderne forme di schiavitù – ha dichiarato Woro Supartinah, della coalizione ambientalista indonesiana Jikalahari – con il Global Vision Paper speriamo di creare un movimento mondiale per cambiare le condizioni di vita delle comunità forestali e la gestione stessa delle foreste».

di Dario Scacciavento

Fonte: http://www.aamterranuova.it/Ambiente/No-alla-carta-che-distrugge-l-ambiente-e-le-comunita

Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close