LA LEGGENDA dell’arcobaleno

as8

Tanto tempo fa in un piccolo villaggio accanto alla foresta popolato da uomini neri, nacque una bella bambina bionda come il grano, con la pelle bianca come la cera e due occhi azzurri come un pezzo di cielo. I genitori la guardarono terrorizzati. “Come è possibile che sia mia figlia?” Gridò il padre nero nero, con gli occhi scuri come la notte. La madre piangendo strinse a se la bambina e supplicò il marito di non ucciderla.

Gli raccontò di un giorno lontano quando nella foresta si era addormentata accanto alla grande quercia e aveva sognato un uomo tutto bianco che la baciava. Quando si era svegliata l’uomo era sparito e lei era tornata al villaggio. Il marito non le credette. “Mi prendi in giro! Noi siamo gli unici abitanti di questa terra, non ci sono uomini bianchi. Oltre la foresta c’è il nulla ! Sei stata posseduta dagli spiriti maligni!”

La donna continuò a piangere disperata e il marito, che non era infondo cattivo borbottò: “Va bene, vi salverò la vita, ma non lo saprà mai nessuno. Dirò che tu e la bambina siete morte, vattene nella foresta!”. La donna prese la bambina e fuggì.

Camminò per giorni finché, stanca e affamata, giunse alla grande quercia dove si addormentò. Come per prodigio le apparvero in sogno tanti uomini tutti bianchi che la guardavano. Aprì gli occhi e … meraviglia non era un sogno, erano uomini in carne ed ossa. “Perché sei così nera?” – le chiese uno di loro -“Vieni con noi, ti laveremo e daremo da mangiare a te e alla tua bambina.”

La donna docilmente li seguì e arrivarono in un piccolo villaggio dall’altra parte della foresta. Lì cominciarono a lavarla, ma lava, sfrega, il nero non andava via. Fu portata quindi dal capo del villaggio “ Donna quale è la tua malattia?” le chiese.

“Non sono malata, – rispose la donna – nel villaggio da dove provengo oltre la foresta tutti gli uomini sono neri !”.

Il vecchio capo cominciò ad urlare “ Non esistono altri villaggi , oltre la foresta c’è il nulla e tu sei stata posseduta dagli spiriti maligni! Vattene e lascia qui la bambina!”

as7

La povera donna cominciò ad urlare disperata e si ritrovò di nuovo nella foresta. Non sapeva più cosa fare. Nessun villaggio la voleva ospitare per il colore della sua pelle. Si fermò accanto ad un ruscello e cominciò a piangere, a piangere ininterrottamente per giorni e giorni e mentre piangeva diceva “Oh Dio del bosco, ti prego, fa che il mio corpo non abbia più un solo colore così che io possa vivere dove voglio!”

Le sue lacrime caddero nel fiume che si ingrossò fino a diventare minaccioso. Quel fiume scorreva sia nel villaggio dei neri che in quello dei bianchi e in breve i due villaggi si trovarono completamente allagati. Le capanne erano piene di acqua, i campi non producevano più frutti , gli uomini potevano spostarsi solo con le barche e, in poco tempo , per sopravvivere furono costretti ad andare ad abitare sopra gli alberi. Da lì scoprirono una cosa che non sospettavano: il mondo non finiva con la loro foresta, ma al di là di questa c’erano verdi montagne che si innalzavano fino al cielo. Capirono che quella era la loro salvezza e decisero di andare ad abitare lì. Era proprio un altro mondo: videro per la prima volta il mare e poterono finalmente scaldarsi al tepore del sole ed ammirare di notte un cielo stellato.

Dopo alcuni giorni le due tribù si incontrarono. All’inizio ebbero paura ma poi si avvicinarono e videro che l’unica cosa che avevano diverso era il colore della pelle. Solo allora il capo tribù si ricordò della povera donna che aveva cacciato dal villaggio, e solo allora il marito della donna scoppiò a piangere disperato prendendo tra le braccia la bambina. Fu organizzata una spedizione per cercare la donna e dopo giorni e giorni la trovarono che piangeva accanto al ruscello ma.. prodigio, aveva pianto talmente tanto che il suo corpo era fatto solo di tante goccioline d’acqua colorate.

Quando li vide uniti e in pace mormorò: “Ho pianto tanto per non avere il colore che voi volevate , ora che avete capito che il colore della pelle non ci rende diversi nei cuori voglio che viviate in pace. Io vi guarderò dall’alto e ogni volta che i vostri popoli non si ricorderanno la lezione ricomincerò a piangere per poi smettere quando trionferà di nuovo l’amore. Ormai ho in me tutti i colori del mondo e nessun popolo mi potrà cacciare.”

Da allora quando , dopo la tempesta, splende di nuovo il sereno , la donna felice fa capolino dall’alto del cielo ricordando a tutti i popoli la promessa di pace e d’amore che in quel giorno lontano fecero le due tribù.

Fonte: http://qualunquizzando.forumfree.it/?t=55436374

Foto web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close