Emigrazione

salvatore bottone vincenzo calvano

 

Considerato che, allo stato attuale, sono altre 250.000 i Calabresi iscritti all’AIRE ( Anagrafe Calabresi Residenti all’Estero ) e circa 400.000 gli iscritti alle Anagrafi Consolari e che la Calabria è la quarta Regione Italiana per numero di emigrati, non è azzardato affermare che, la quantità di calabresi e di oriundi discendenti da calabresi emigrati nelle passate generazioni, è notevolmente maggiore del numero degli abitanti attualmente residenti nella regione.
Questo numero è stimabile tra quindici e venti milioni di persone che, direttamente o indirettamante, vantano legami con questa terra.
Circa il 45% degli emigrati calabresi si trova in Europa, in paesi membri della Comunità Europea, il 40% circa nelle Americhe ( metà negli Stati Uniti e Canada e l’altra metà in Argentina, Brasile ), la restante parte divisa tra Australia e piccole presenze in altre aree geografiche non comprese nella precedente divisione.
I primi paesi in graduatoria per il numero di calabresi residenti sono: in Europa, la Germania, la Svizzera e la Francia e, in America, l’Argentina . Questi quattro paesi, accolgono più della metà dei cittadini calabresi nel mondo: tra di essi la Germania resta saldamente in testa.
Una seconda categoria è composta da altri sette paesi, tra i quali la presenza di calabresi è notevole: Brasile, Belgio, Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Venezuela e Australia.
La terza categoria è composta da un gruppo di altri dieci paesi: Uruguay, Sud Africa, Cile, Spagna, Olanda, Perù, Lussemburgo, Austria, Principato di Monaco e Colombia.
In quarta posizione si trovano altri paesi nei quali la presenza di calabresi emigrati non è numericamente alta ( tra 500 e 1000 unità ): Grecia, Svezia, Croazia, San Marino, Israele, Ecuador, Egitto, Danimarca e Messico.
Seguono da ultimi tutti gli altri paesi del mondo con una presenza inferiore alle 2.500 unità.

 

 

Nella foto sono riconoscibili SALVATORE BOTTONE, ANGELO PUGLIESE e VINCENZO CALVANO  al tempo in cui lavoravano in Germania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close