Un’ora segnata dal destino … e poi?

antonio-pappaterra

 

Combattenti di terra, di mare e dell’aria! Camicie nere della rivoluzione e delle legioni! Uomini e donne d’Italia, dell’Impero e del regno d’Albania! Ascoltate! Un’ora segnata dal destino batte nel cielo della nostra patria. (Acclamazioni vivissime). L’ora delle decisioni irrevocabili. La dichiarazione di guerra è già stata consegnata (acclamazioni, grida altissime di “Guerra! Guerra! “) agli ambasciatori di Gran Bretagna e di Francia…

 

La parola d’ordine è una sola, categorica e impegnativa per tutti. Essa già trasvola ed accende i cuori dalle Alpi all’Oceano Indiano: vincere! (Il popolo prorompe in altissime acclamazioni). E vinceremo!”

 

A queste parole di Mussolini la folla oceanica assiepata in piazza Venezia andò in delirio.

 

Era il 10 giugno del 1940. Sappiamo tutti come finì per l’Italia: 450.000 mila morti fra militari e civili,  circa 320.000 militari feriti, congelati, mutilati ed invalidi sui vari fronti. I militari fatti prigionieri dalle forze anglo-americane durante il periodo 1940/1943 furono circa 621.000. Poi, dopo l’8 settembre, a migliaia furono fatti prigionieri dai tedeschi e finirono in Germania, negli “stalag”, i campi di lavoro

 

Fonte: http://www.coratolive.it/rubriche/334/articoloDett.aspx

Nella foto Antonio Pappaterra nel ’45

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close