LA BIONDA

 

La festa della Madonna del Carmine, a Scalea, raccoglie visitatori da tutto l’Alto Tirreno. Un tempo era l’occasione per rifornirsi di cutroni e altre masserizie.

Cutrone è una delle tante parole del nostro dialetto che derivano dal greco:

da cutra  o cutros ( tegame, pentola). Nel dialetto, in genere, viene usato al plurale: cutroni.

Nella foto della fine degli  anni Cinquanta vedete Angiolina Fortunato, la Bionda, alla fiera del Carmine tra i cutroni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close