ALLA SCIODDA

A guardarla stimola ricordi e spinge alla malinconia. Ci rammenta che la vita è un attimo, mentre il tempo ci sovrasta col suo procedere inesorabile e indefinito, verso un futuro che facciamo fatica persino ad immaginare.

Di questi signori (Angiolino, Pieruccio, Giovannino ed Anselmo), fotografati alla Sciodda, l’ultimo a partire è stato Anselmo, alcuni mesi fa. Se n’è andato velocemente.  Con lui ho condiviso tante chiacchierate alla Vianova. A volte mi sorprende non trovarlo più alle Panchine della Rimembranza. Era una presenza familiare. Ed allora torna alla mente che:

“Per ogni cosa c’è il suo momento,

il suo tempo per ogni faccenda sotto il cielo.  

C’è un tempo per nascere e un tempo per morire,

un tempo per piantare e un tempo per sradicare le piante”,

come dice il Qoelet (3, 1-2).

Ma anche la morte chiede tempo per essere metabolizzata.

Che a tutti la terra sia lieve!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Articoli più letti

Archivio articoli
Categorie
Close